POESIE - SICILIA
I TO OCCI
Quando un poeta si appresta verso la fine della sua vita si accorge che tutti o lo ignorano o si allontanano. Gli resta il ricordo anche della sua musa che oramai lo ha abbandonato. L'unica cosa che me rimasta impressa sono i suoi occhi a cui dedico...
Dialetto: Sicilia

I TO OCCI
Aruci Valeria
u mari è ‘nciusu
‘nte to occi,
occi
ca brillino ri luci…
occi ca
se taliu scappunu,
occi ca
to incinu ri gioia,
e ‘ppi s’occi
tu ‘rriri sempi,
a sunnari…
sulu i to occi
rinesciunu ‘a ‘jucari
che stiddi,…
occi accussi niuri
ca ‘u celu si ‘mmiria
comu puru…
assai fimmini
ca ti su amiche…
i to occi
‘ppi ‘ddiri
su onici e matriperla
‘ncastunati
‘nto to cori
ca ama voli beni


Traduzione in italiano

I TUOI OCCHI
Dolce Valeria
Il mare è rinchiuso
nei tuoi occhi,
occhi che brillano di luce ...
occhi che
se guardo sfuggono,
occhi che
ti riempiono di gioia,
e per quegli occhi
tu continui a sorridere,
a sognare ...
solo i tuoi occhi
riescono a giocare con le stelle, ...
occhi così neri
che il cielo invidia
come pure…
molte donne
che ti sono amiche...
i tuoi occhi
alfine sono Onice e madreperla
incastonati nel tuo cuore
che ama vuole bene

Racconto inviato da: Paolo Campisi