POESIE - CALABRIA
Non s'ammuccia a verità
Sonetto n. 10 appartenente alla raccolta "Certi Fotografìi" del poeta cauloniese Orazio Raffaele Di Landro. Il poeta riflette su quanto sia importante dire sempre la verità, perché solo così ci possono essere veramente libertà ed onestà, e solo così può veramente migliorare la società.
Dialetto: Calabria

Non s'ammuccia a verità
Non ndàvi mu s'ammuccia a verità,
ndàvi inveci u si cerca e u si capisci,
si no non si migliora, ma finisci
ca si mortifica ogni società.

Sulu si c'è giustizia e libertà
a società migliora e sempi crisci,
l'intelligenza ogni mali impedisci
cà a vera intelligenza è l'onestà.

Facendu i cosi in segretu e ammucciùni
si mustra sulu ca c'è malafedi,
quandu s'imbrogghjanu tutti i persuni

a verità si menti sutt'e' pedi.
E comu mai poti avìri ragiuni
cui chjùdi porti, finestri e cancedi?




Traduzione in italiano

Non si nasconde la verità
Non si deve nascondere la verità,
la si deve invece sempre ricercare e capire,
altrimenti non si migliora la società,
ma anzi la si mortifica del tutto.

Solo se c'è giustizia e libertà
la società migliora e cresce sempre,
l'intelligenza impedisce ogni male
perché la vera intelligenza è l'onestà.

Agendo in segreto e di nascosto
si mostra solo che c'è malafede,
quando vengono imbrogliate tutte le persone

la verità si mette sotto i piedi.
E come mai può avere ragione
chi chiude a tutti ogni spazio ed ogni possibilità?

Racconto inviato da: Orazio Raffaele Di Landro