RACCONTI - CAMPANIA
LA TRIPPA
Un uomo comprò una trippa e la nascose sotto il mantello per assistere alla messa. Il prete fece una predica sul fatto che le persone pensavano più alla trippa che all'anima. L'uomo pensò che predicava per la trippa che aveva comprato. Arrabbiato per questo fatto, buttò la trippa in mezzo alla chiesa imprecando e uscì tutto indignato.
Dialetto: Campania

LA TRIPPA
Ngèra na vota n'ommenu a Morra ca avja fattu cocche ghjurnata a zappà e s'èra abbuscate nu paru de lire. De quiddri tiémbi se fateava da la matina a la séra, ma de soldi se ne vediénne pocu, tandi nun teniénne mangu la massarja e campavene cu tutta la famiglia dind'a nu pagliaru. La carna se vedja sulu una o doi vote a l'annu a re fiéste granne, pe quéstu, l'ommenu, cu re doi lire ca avja avutu, vulja accattà nu pocu de carna. Quannu trasivu dind'a la chianga védde na bèlla trippa e, siccome nunn'èra cara, se l'accattavu. Se la mettivu sott'a la mandèlla; tannu se usavene quéddre mandèlle a rota cu la fibbia e catenèddra pe l'appundà sott'a lu cuoddru, e, mènde turnava a la casa, passavu pe vicinu a la ghiésia e trasivu pe se sènde la Méssa.
Quannu lu prèutu acchianavu ngimma a lu purpetu pe fa la prèdeca, se féci la croci e, probbiu cumme si r'avésse fattu apposta, quéddra duméneca ngi vénne ncozza de fa' na prèdeca ngimm'a la mangiatoria:
«Figli miéi cari, che vita facimmu nui dind'a stu munnu? Penzamu sèmbe sulu a mangià e beve e nun pensamu a l'anema. Ngè puru lu pruvèrbiu "rrobba de mangiatoria nun se porta a cunfessoriu".
Pecché se fatjha? Pe la trippa.
Pecché se fanne tanda sacrifiggi? Pe la trippa.
Pecché tanda gènde arrobba? Pe la trippa.
Pecché se tradiscene l'amici? Pe la trippa.
Pecché se mangia tandu? Pe la trippa.»
E mènde predecava parja ca nzengava cu lu ditu sèmbe a quiddr'ommenu ca tenja la trippa sott'a la mandèlla.
Lu puveriéddru se facja picculu picculu e s'accuava adderète a l'auti pe nun se fa vedé; ma lu prèutu parlava sèmbe de la trippa e nu la fenia chiù.
L'ommenu, ca se credja ca lu prèutu l'avja cu iddru, nun sapja chiù addù s'avja accuà. E quiddru ca alluccava ngimm'a lu pulpetu contru a sta trippa e nzengava cu lu ditu. A nu cèrtu mumèndu probbiu nu lu putivu chiù suppurtà, ngi scappavu la paciénza, aprivu la mandèlla, cacciavu fore la trippa ca s'èra accattatu e la jttavu mmiézz'a la ghiésia:
«E tèh la trippa!» alluccavu, «Na vota me l'aggi' accattata e tu fai sèmbe quiddru cundu.» E se n'assivu da la ghiésia tuttu ngazzatu.



Traduzione in italiano

LA TRIPPA
C’era una volta a Morra un uomo che aveva guadagnato qualche lira andando alcune giornate a zappare la terra. A quei tempi si lavorava dalla mattina alla sera, ma di soldi se ne vedevano pochi, molti non avevano neanche una casa e vivevano con tutta la famiglia in un pagliaio. La carne si vedeva solo una o due volte l’anno, solo alle feste grandi, per questo motivo l’uomo, con le due lire che aveva guadagnato, voleva comprare un pò di carne. Quando entrò nella macelleria vide una bella trippa e, poiché non era cara, la comprò. Se la mise sotto il mantello, in quel tempo si usava il mantello a ruota con fibbia e catenina per abbottonarlo sotto il collo, e mentre ritornava a casa, passò davanti alla chiesa e pensò di assistere alla messa.
Quando il prete salì sul pulpito per fare la predica si fece la croce e, proprio come se l’avesse fatto apposta, quella domenica gli venne in testa di fare una predica sulla mangiatoria:
«Figli miei cari, che vita facciamo noi in questo mondo? Pensiamo sempre solo a mangiare e bere e non pensiamo all’anima. C’è anche il proverbio: “roba di mangiatoria non si porta in confessionale”.
Perché si lavora? Per la trippa
Perché si fanno tanti sacrifici? Per la trippa.
Perché tanta gente ruba? Per la trippa.
Perché si tradiscono gli amici? Per la trippa.
Perché si mangia tanto? Per la trippa.»
E mentre predicava sembrava che indicasse sempre col dito verso quell’uomo che aveva la trippa sotto il mantello.
Il poveretto si faceva piccolo piccolo e si nascondeva dietro gli altri per non farsi vedere, ma il prete parlava sempre della trippa e non la finiva più.
L’uomo pensava che il prete ce l’aveva con lui, non sapeva più dove nascondersi. E quello che gridava dal pulpito contro questa trippa e indicava col dito. Ad un certo momento proprio non poteva più sopportarlo, perse la pazienza, aprì il mantello, tirò fuori la trippa che aveva comprato e la buttò in mezzo alla chiesa:
«E tieni la trippa!» gridò, « Una volta l’ho comprata e tu parli sempre di questo» E uscì dalla chiesa tutto arrabbiato.



Racconto inviato da: GERARDO DI PIETRO