POESIE - CORSICA
O' Sgiò Presidente

Dialetto: Corsica

O' Sgiò Presidente
O Sgiò Presidente, vi scrivu sta lettera
chì ci è qualcosa chi vi vogliu dumandà
Di u vostru Palazzu so chjose le finestre
e sin'à qui ùn pudete guardà

O Sgiò Presidente, i paesi si ne morenu
a ghjuventù ùn ci pò più stà
aghju ottant'anni e si sbacca lu mio core
So sicuru chi ci è qualcosa a fà

O Sgiò Presidente, eo aghju dodeci anni
e vi scrivu per spiecavvi perchè
ùn vogliu spaesammi, nè oghje, nè dumane
e vogliu campà qui chi so ind'è me

O Sgiò Presidente, so natu ind'è sta casa
chi li mo vecchji hanu straziatu a fà
Ci vogliu fa la miò vita e campà lu miò avvene
Presidente, ditemi cume aghju da fà

O Sgiò Presidente di u Statu Francese
è Diu chi ci ha datu per campà
ste muntagne, stu mare, st'Isula per paese
e di què u pudemu ringrazià

A Corsica è una donna fiera di la so bellezza
Chi certi provenu a sfigurà
O Sgiò Presidente vi facciu sta prumessa:
Ùn li lasceremu micca fà

O Sgiò Presidente, emu fattu tutte e guerre
i munumenti qui ponu parlà
Da Nicoli a Scaramoni, a Daniela Casanova
L'avemu pagata cara sta libertà

O Sgiò Presidente, simu isulani
e simu fieri di st'identità
ma u vostru Palazzu è un pocu luntanu
e fin'a qui ùn pudete guardà


Traduzione in italiano

O' Signor Presidente
O' Signor Presidente, vi scrivo questa lettera
che c'è qualcosa che vi voglio domandare
Del vostro Palazzo sono chiuse le finestre
e sin'a qui non podete guardare

O' Signor Presidente, i paesi se ne muoiono
la giuventù non ci può più stare
Ho ottant'anni e si spacca il mio cuore
Sono sicuro che ci sarebbe qualcosa da fare

O' Signor Presidente, io ho dodici anni
e vi scrivo per spiegarvi perchè
non voglio spaesarmi, nè oggi, nè domani
e voglio vivere qui che sto a casa mia

O' Signor Presidente, sono nato in questa casa
che i miei vecchi hanno faticato a fare
Ci voglio fare la mia vita, e viverci il mio avvenire
Presidente, ditemi come devo fare

O' Signor Presidente dello Stato Francese
è Dio che ci ha dato per vivere
queste montagne, questo mare, quest'Isola per paese
e di questo lo possiamo ringraziare

La Corsica è una donna fiera della sua bellezza
che certi provano a sfreggiare
O' Signor Presidente vi faccio questa promessa:
Non li lasceremo mica fare

O' Signor Presidente, abbiamo fatto tutte le guerre
i monumenti qui possono parlare
Da Nicoli a Scaramoni, a Daniela Casanova*
l'abbiamo pagata cara questa libertà

O' Signor Presidente, siamo isolani
e siamo fieri di quest'identità
ma il vostro Palazzo è un pò lontano
e fin'a qui non potete guardare


* Figure storiche della Corsica

Racconto inviato da: Michel Mallori