POESIE - VENETO
El me pastore sopo
Mi ero affezionato alla statuina del presepe anche se rotta o proprio perché rotta.
Dialetto: Veneto

El me pastore sopo
L'è cascà in tera
e s'à roto 'na gambeta,
finta de gnente,
nissun à visto 'na lagrimeta.
El me pastore,
su le so spale n'agneleto,
l'ò sempre tegnù da conto
col so difeto.

La stradeta de farina,
el lagheto e tuto el resto
e ogni ano, lu,
lo fracà in mezo al mus-cio fresco,
in mezo a le pegore,
'n'anara o 'n'oco:
nissun faséa caso..
che lu el fusse sopo.

Vegnarà el curato
a premiare el presepio pi’ belo
e qualchedun cavarà dal mus-cio
el me pastorelo
el l’à cavà
sbregandome ìa qualcossa dal core
che a mi…
el me piasèa sopo… el me pastore.


Traduzione in italiano

Il mio pastore zoppo
E' caduta a terra
e si è rotta una gambetta
finta di niente,
nessuno ha visto una lacrimetta.
Il mio pastore,
sulle sue spalle un agnello,
l'ho sempre conservato
con il suo difetto.

La stradina di farina,
il laghetto e tutto il resto
e ogni anno,
l'ho fatto stare in piedi in mezzo al muschio fresco,
tra le pecore,
un'anatra o un oco:
nessuno faceva caso...
che lui fosse zoppo.

Arriverà il curato
a premiare il presepe più bello
qualcuno toglierà dal muschio
il mio pastorello,
lo ha tolto
strappandomi qualcosa dal cuore
che a me... piaceva zoppo...
il mio pastore.

Racconto inviato da: Paolo Domenichini