POESIE - CALABRIA
I sordi 'on ennu tuttu pe' campari!
Questa poesia del poeta Giovanni Di Landro è il sonetto n. XXXVII della raccolta: "Quandu torna u Signuri supa a terra!"; il poeta qui vuole far capire alla gente che per essere felici non è importante avere tanti soldi, o almeno non è la cosa più importante; bensì è meglio stare prima in salute, ridere e divertirsi, perché questa è la vera felicità.
Dialetto: Calabria

I sordi 'on ennu tuttu pe' campari!
Certu a felicità ennu puru i sordi,
e non m'ammucciu, u dicu chjaramenti,
però, a pattu ca non ennu lordi,
o primu postu 'on sunnu certamenti;

o primu c'è a saluti, 'on c'ennu i sordi,
e poi u divertimentu 'on voi u mu menti?
U arridi, u mangi, u fai tutti i bagordi,
cà quandu godi passanu i tormenti.

Si po' campari appojati a nu muru,
basta mu m'esti bonu u ti ripari,
e si tu t'accuntenti si' sicuru;

e poi godìri e non ti lamentari,
perciò 'on tenìri u mussu tantu duru,
cà i sordi 'on ennu tuttu pe' campari!


Traduzione in italiano

I soldi non sono tutto per vivere!
Certo la felicità la fanno anche i soldi,
e non lo nascondo, lo dico apertamente,
però, sempre a patto che non siano "sporchi",
non sono certamente al primo posto;

al primo posto c'è la salute, non ci sono i soldi,
e poi il divertimento non lo vuoi mettere?
Ridere, mangiare e spassarsela,
perché quando ti diverti passano i tormenti.

Si può vivere anche appoggiati ad un muro,
basta che sia buono per ripararti,
e se tu ti accontenti sei tranquillo e sereno;

e puoi godere e non ti lamentare,
perciò non tenere sempre il muso duro,
perché i soldi non sono tutto per vivere!

Racconto inviato da: Giovanni Di Landro