POESIE - CAMPANIA
CRISTO NAPULITANO
La poesia è tratta dall'omonimo libro CRISTO NAPULITANO di Luciano Somma - Ed.I Miei Colori - Pontassieve(Firenze) Vinse il Primo premio assoluto al Concorso " ANIELLO CALIFANO " tenutosi a Raito di Vietri Sul mare(Salerno) nel 1982 conseguendo una pregiatissima scultura di Visentin ed una coppa .
Dialetto: Campania

CRISTO NAPULITANO
Ce site state maje
dint'a nu vascio
sgarrupato e viecchio
scavato dint''e pprete
addò l'ummedità trase 'int'all'osse,
ce site state maje
dint'a nu vascio?
Na tavula tarlata
cu' quatto segge 'e paglia
na branda militare
n'armadio rusecato
e 'a famma , tanta famma ,
patuta juorno pe' ghiurono ,
pe' quanno po' durà nu calannario
accuminciata già quanno se nasce
sufferta a ogne mumento 'e stu calvario .
Cristo che campa
senza cchiù Dio
stanco d''a vita
stanco d''a morte
stanco...
Sempe accussì
'a primma 'e Masaniello ,
l'unica nuvità
è na televisione
che fà vedè ricchezze scanusciute
case, cummedità , magnà , visone...
Ce site state maje
dint'a nu vascio?
guagliune annure , femmene ammusciate ,
puzza d'ummedità , tanfo 'e sudore ,
nu pizzeco 'int''o core,nu squallore .
Chest'è ancor'ogge Napule ,
'o mare , 'o sole , 'a vita assaje luntano
e 'a croce ch'è pesante
p''o cristo senza Dio Napulitano .


Traduzione in italiano

CRISTO NAPOLETANO
Ci siete stati mai
in un basso
dirupato e vecchio
scavato nelle pietre
dove l'umidità entra nelle ossa ,
ci siete stati mai
in un basso ?
Una tavola tarlata
con quattro sedie di paglia
una branda militare
un armadio rosicchiato
e la fame , tanta fame ,
patita giorno per giorno
per quando puo' durare un calendario
incominciata già quando si nasce
sofferta a ogni momento di questo calvario .
Cristo che vive
senza più Dio
stanco della vita
stanco della morte
stanco...
Sempre così
da prima di Masaniello
l'unica novità
è una televisione
che fa vedere ricchezze sconosciute
case, comodità , mangiare , visone...
Ci siete stati mai
in un basso?
ragazzi nudi , donne sfiorite ,
puzza d'umidità , tanfo di sudore ,
un pizzico nel cuore , uno squallore .
Questa è ancora oggi Napoli ,
il mare , il sole , la vita molto lontano
e la croce ch'è pesante
per il Cristo senza Dio Napoletano .

Racconto inviato da: Luciano Somma