POESIE - CAMPANIA
CHE SERATA
Tratta dal volume di versi CRISTO NAPULITANO di Luciano Somma - Ed.I Miei Colori - pontassieve(Firenze)
Dialetto: Campania

CHE SERATA
Chiove
areto a sti llastre io guardo 'o puntone ,
'o vico è nu sciummo , nun passa nisciuno ,
Giesù che serata , nu lampo , nu tuono ,
cu''e ddete turtura na preta 'e sapone
me tremmano 'e mmane , che d'è st'apprenzione ,
che st'ansia ammiscata cu' tanta penziere
c'affollano 'a mente cchiù forte d'ajere .
Che d'è sta paura c'astregne sti core
diventa turmiento po' doppo terrore
chisà qual'è ' o frutto 'e chesta alterazione
ch'arriva precisa , na maledizione .
...E chiove , diluvia stasera p''o vico
mentr'io stongo sulo senz'ombra 'e n'amico
che d'è sta resata sguaiata d''a sciorta
vurria na speranza , nu poco 'e cunforto .
Ma chiove e sti llastre mo fanno rummore
'o vico è deserto passate so' l'ore
nu sciummo me pare finanche 'o puntone
Giesù che serata , nu lampo , nu tuono...


Traduzione in italiano

CHE SERATA
Piove
dietro a questi vetri io guardo l'angolo della via
il vico è un fiume , non passa nessuno ,
Gesù che serata , un lampo , un tuono .
Con le dita torturo una pietra di sapone
mi tremano le mani ,cos'è quest'apprensione?
quest'ansia mischiata con tanti pensieri
che affollano la mente più forte di ieri .
Cos'è questa paura che stringe il mio cuore
diventa tormento poi dopo terrore
chissà qual'è il frutto di quest'alterazione
che arriva precisa , una maledizione .
...E piove , diluvia stasera nel vico
mentre io sono solo senza l'ombra d'un amico
cos'è questa risata sguaiata della sorte
vorrei una speranza , un poco di conforto .
Ma piove e questi vetri adesso fanno rumore
il vico è deserto passate sono le ore
un fiume mi sembra anche l'angolo della via
Gesù che serata , un lampo , un tuono...

Racconto inviato da: Luciano Somma