RACCONTI - CAMPANIA
'O FRIGORIFERO
Mai accontentarsi delle apparenze!
Dialetto: Campania

'O FRIGORIFERO
‘Nu pincopallino more e va ‘mparaviso. Poco doppo ‘ncontra n’ atu signore ca pur’isso è appena arrivato a ll’ atu munno, e ll’ addimanna:
- Scusateme, pozzo sapé comme site muorto? –
e ‘o signore risponne:
-Vuje nun me credarrite, ma i’ so’ mmuorto congelato! -
- Overo?! Ma è terribbile! E vvuje comme site muorto? –
- Bbe’, i’ so’ mmuorto ‘e felicità!... –
- Me faccio meraviglia! Raccuntateme: comm’è succieso? –
- Mo ve dico! I’ stevo faticanno quanno n’amico me telefonaje ca muglierema steva cu n’ ato ommo.. Lassaje tutto cosa, zumpaje ‘ncopp’ â machina e currette â casa.Arapette ‘a porta, ma truvaje a muglierema sola sola ca steva pulezzanno ‘o pavimento… Murette p’’a cuntentezza!
- Quanto site stato fesso! Putiveve arapì ‘o frigorifero… ce fossemo salvate tutte e dduje!





Traduzione in italiano

IL FRIGORIFERO
Un tizio muore e va in Paradiso. Dopo poco incontra un altro signore,che anche lui è appena arrivato all’altro mondo , e gli chiede:
- Scusate, posso sapere come siete morto?-
e il signore risponde:
- Voi non mi crederete, ma sono morto congelato.
- Congelato? Ma è terribile! - E voi invece, come siete morto?
- Beh, io sono morto di felicità...
– Mi meraviglio! Raccontatemi: come è successo? –
- Ecco, ero al lavoro quando mi arrivò una telefonata di un mio amico che mi avvertì che mia moglie era con un altro uomo... Mi precipitai sulla macchina e corsi a casa. Aprii la porta ma trovai mia moglie tutta sola, intenta a pulire il pavimento...Morii per la felicità...
- Che stupido siete stato! Potevate aprire il frigorifero, ci saremmo salvati entrambi!




Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli