POESIE - ABRUZZO
La puesie
L'ispirazione poetica sorge dal canto del cuore, sopratutto quando lo si va verso il vertice delle montagne, al dilà della dualità delle cose ragionate.E' un'attitudine di pace che dà parola al silenzio.
Dialetto: Abruzzo

La puesie
La puesie jè fiure de muntagne.
Nasce pe le cime addò stà l’aria fine,
huarde appassiunate mare e campagne
e cacce nu cante vere gni lu vine.

Ogne suspire jè schiume d’umanità,
se ne va pe lu cièle gni na prèhire.
Parle chiare ‘nghe na voce de verità
e mette a la mente le bbone pinzire.

Chie cojje sti fiure duvente puhète
e scrive ogne ore ‘nghe aneme e core.
Vu ‘bbene a la vite e cante l’amore,

s’imbriache ‘nghe le parole che mète.
‘Appicce la lune e parle ‘nghe le stelle,
Dentr’a le vracce stregne stu monne ‘bbelle.



Traduzione in italiano

La poesia
La poesia è un fiore di montagna.
Nasce sulle cime dove c'è aria fina,
guarda appassionato,mare e campagna
e dona un canto a chi si avvicina.

Ogni sospiro è schiuma d'umanità,
va per il cielo come una preghiera.
Parla chiaro,è voce di verità
e mette nella mente buoni pensieri

Chi raccoglie questo fiore diventa poeta
e scrive ogni ora con anima e cuore.
Ama la vita e canta l'amore.

S'inebria con le parole usate.
Accende la luna e parle con le stelle.
Tra le braccia stringe questo mondo bello.

Traduzione di Novella Torregiani

Un particolare ringraziamento da parte di Dialettando.com alla poetessa traduttrice che ha così aiutato l'autore che, vivendo da tempo in Canada, ha dimestichezza con il dialetto ma non con l'italiano.

Racconto inviato da: Emilio Francescucci