RACCONTI - SARDEGNA
cagatobaccu
Un tal Sig. Giuseppe, padre di tanti figli, aveva un metodo singolare per radunare la prole per il rientro all'abitazione...
Dialetto: Sardegna

cagatobaccu
A stampaxi biviara "Cagatobaccu" un omini chi teniat mera fillusu, tottu pitticcheddus. Bivianta in unu "basciu" in una arruga accanta de unu campu de macerias. A pustiprangiu po si porri arreposai ci bogara a s'arruga is piccioccheddus e si croccara; bennia s'ora de xena po zerriai is fillus si poniada in s'oru de sa porta de dommu e a tipu pastori fai unu sulittu forti forti po si fai intendi. Itta potiasta biri! De d'ognia
stampu 'ndi bessiada afforas tottu sa "piccioccalla" , chini de aintru una maceria, chini si pesada de croccau in mesu d e s'erba, chini gioghendi cun sa boccia arregolliada tottu is cosas e curriara conca a dommu. Ziu Pinu (cagatobaccu) postu in peisi fattu fattu chi arribanta is fillus currendi currendi prima de intrai aintru de dommu donara a chini una bussinara, a chini una tobacchera a culu, a chini una ghinga,a chini unu pistoccu e atru.Accabara sa "conta" e serrara sa porta de dommu sa famiglia fiada riunia!


Traduzione in italiano

famiglia numerosa
Nel rione di " stampace" a Cagliari, abitava tal "cagatobaccu" un signore che era padre di molti figlioli, tutti in tenera età. Abitavano in un sottano in una strada vicino alla quale c'era un campo con dei ruderi. Al pomeriggio per poter riposare tranquillo, egli mandava fuori casa i ragazzini e beato si coricava. Arrivata quindi l'ora della cena per poter richiamare i figli, egli, davanti alla porta di casa, come fanno i pastori emetteva un fischio fortissimo per farsi sentire dalla prole. Cosa si vedeva! Da ogni parte sbucavano ragazzini, chi da dietro una maceria, chi si alzava da disteso sull'erba del campo, chi, giocando con la palla raccoglieva le sue cose e correva lesto verso casa. Sig. Giuseppe (questo era il suo nome) stava ritto davanti a casa, e, a mano a mano che arrivavano i figli, prima di entrare in casa ad ognuno dava o una manata, o un calcetto nel sedere, o un colpo con la nocca del dito medio (detta appunto "ghinga"), o un colpo a sempre col dito medio (detto "pistoccu") e quant'altro. Alla fine di questa singolare "conta" del gregge e chiusa quindi la porta di casa, la famiglia era così riunita!

Racconto inviato da: Marcello