RACCONTI - CAMPANIA
A dd’’o farmacista.
Tutto è relativo! E talvolta un buon motivo, può indurre a metter da parte le regole!
Dialetto: Campania

A dd’’o farmacista.
‘Na signora trase dint’ â farmacia;
- Pe favore, duttó, vulesse ‘nu poco ‘e arzenico…
Trattannose ‘e ‘nu veleno putente, ‘o farmacista se ‘nforma, primma 'e ce 'o ddà:
- Signò, ma a che ve serve?
- P’accidere a mio marito!...
- Me dispiace signó, ma in questo caso nun v’’o pozzo dà…
‘A signora, senza dicere niente, caccia d’’a burzetta ‘na fotografia d’’o marito suojo ca sta dint’ ô lietto cu ‘a migliera d’’o farmacista; al che ‘o farmacista conclude:
- Ah! È accussí?... E ‘o putiveve dicere súbbeto ca teniveve ‘a riggetta!



Traduzione in italiano

Dal farmacista
Una donna entra in farmacia:
- Per favore, dottore, vorrei dell'arsenico.
Trattandosi di un veleno letale, il farmacista chiede informazioni prima di accontentarla.
- E a che vi serve, signora?
- Per ammazzare mio marito.
- Mi dispiace, signora: ma in questo caso purtroppo non posso darvelo!
La donna senza dire una parola estrae dalla borsetta una foto di suo marito che è a letto con la moglie del farmacista;alla vista di ciò il farmacista conclude:
- Ah! È cosí, signora,potevate dirlo subito che avevate la prescrizione!


Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli