POESIE - VENETO
Paese mio

Dialetto: Veneto

Paese mio
Quante volte me so specià ne l'imènso
butàndo là sora i me insògni
e ti te me ga ciapà da putèo ninàndome
tra i tro bràzzi de pare e de mare
dàndome le to pière da volèrghe ben,
i to silenzi da scrìver,
se restàvo sisìla senza emigràr
po' dopo gavarìa maledìo el to 'suìsmo,
gavarìa odià e zapegà le to strade,
tirà sassi par ciapàrte e farte mal
e su le to spale de despossènti sogièri
gavarìa cargà tuto el me rissèntimento
par no èssar scanpà via prima,
ILUDENDOME
che in altre parte el destin
no'l gavarìa più sercà el me pìcolo nome...


Traduzione in italiano

Paese mio
Quante volte mi sono specchiato nell'immenso
lanciando i miei sogni là sopra
e tu mi hai preso da bambino cullandomi
tra le tue braccia di padre e di madre
dandomi le tue pietre da amare,
i tuoi silenzi da scrivere,
se restavo rondine senza emigrare
poi avrei odiato e calpestato le tue strade,
tirato sassi per colpirti e farti male
e sulle tue spalle di cadenti architravi
avrei caricato tutto il mio risentimento
per non essere fuggito prima,
ILLUDENDOMI
che altrove il Destino non avrebbe
più cercato il mio piccolo nome...


Racconto inviato da: gianni vivian