POESIE - VENETO
Un ziro de giostra

Dialetto: Veneto

Un ziro de giostra
Viver
un ziro de giostra
co li òci spalancài de putèo,
quel mondo de fiàba,
i musi de i me vèci
che ormài sèrco tra le crepaùre
de la memoria...
El passa cussì in prèssa
'sto zìro de giostra
e ti te ritrovi za vècio
tanto ch'el spècio no te ricognòsse più:
inbiancà,
rùzene cofà 'na pianta de vida
co la scorza tuta rovinàda,
senza più sugo, e za i serca de mètarte
da parte, fiòi ingordi de la Vita
dove che la so zovinèzza e la forza
ingàna e ilùde,
'lora i crede de 'ver el mondo in man
ma po' dopo i se ritrova a strènzer
un pugno de sabiòn che sbrìssa via
pianpianèto lassàndote la quarta
de la man sporca de granèli d'arzento
e li oci slusegànti de làgreme...
Ma zé za finìo el ziro,
curto...massa curto,
e par tuto involzeà nei calìghi,
no ghe zé più nissùn
ghe zé solo 'na vècia siòra vestìa
de negro, la me spèta par darme el bràzzo, la ga cussì tanta paziènza,
la me cognòsse fin da quel lontàn
trèdese de agosto...


Traduzione in italiano

Un giro di giostra
Vivere
un giro di giostra
con gli occhi spalancati di bimbo,
quel mondo di fiaba,
i visi dei miei vecchi
che ormai cerco tra le crepe
della memoria...
E passa così in fretta
questo giro di giostra e ti ritrovi
già vecchio tanto che lo specchio
non ti riconosce neanche più:
imbiancato
ruggine come pianta di vite
con la scorza tutta rovinata,
senza più linfa e già cercano
di metterti da parte figli ingordi
della Vita dove che la loro giovinezza
e la forza ingannano e illude,
allora credono di avere il mondo in mano
ma poi si ritrovano a stringere
un pugno di sabbia che scivola via
piano piano lasciando il palmo della mano sporco di granelli argentati
e gli occhi lucenti di lacrime...
Ma è già finito il giro,
corto...troppo corto...
ed è tutto avvolto da nebbie,
non c'è più nessuno,
c'è soltanto una vecchia signora
vestita di nero, mi aspetta per darmi
il braccio ha così tanta pazienza,
mi conosce fino da quel lontano
tredici di agosto...

Racconto inviato da: gianni vivian