POESIE - SICILIA
'A sicaretta

Dialetto: Sicilia

'A sicaretta
E' janca e longa un jiritu
e 'u sciauru 'i tabbaccu ti pigghia.
Cu'n sorfaru l'addumi,
'na vuccata e agghiutti 'u fumu
ch'i purmmuna tutti ti riinchi:
ti pari d'arrivari 'n pararisu!
Ma quannu, arasciu, s'nni nesci,
amara 'a vucca a ttia ti resta
e, 'u sciauru 'i tabbaccu, ora è fetu,
comu di lu 'nfernu feti 'a strata.


Traduzione in italiano

la sigaretta
E' bianca e lunga un dito
e l'odore di tabacco ti conquista.
Con uno zolfanello l'accendi,
una boccata e inghiotti il fumo
che ti riempie i polmoni:
ti sembra d'arrivare in pparadiso!
Ma quando, adagio, fuoriesce,
amara la bocca ti rimane
e, l'odore di tabacco, ora è puzza,
come dell'inferno puzza la strada.

Racconto inviato da: Enrico Izzo