POESIE - VENETO
Vàrda!

Dialetto: Veneto

Vàrda!
Dài...vàrda!
Le zé brònbole de saon de arcovèrzene,
perle de vero bufà de aguàzzo
su le gànbe piegàe de i zègi,
zé un tul tuto imacolà el spanìr
de la gazìa su le ponte che pònze,
zé 'ba vela de spumìlia l'ultima niòla
dopo el teròr de'l marùbio...
Se veste de nove le zòpe,
le rame se mete su la veladìna
de smeràldo che la Morte parèva
'ver brancà...
Vàrda!
Vàrda co forza
co ìnpito, passiòn,
spera, lòta
parchè no ghe zé scuro che no
scànpa via al vegnìr 'vànti
de la Luse,
invèrno che no se rènde a l'insistènza
de'l sùpio ingaladòr de'l ventesèlo
de primavera,
né Dolor, Sconfìte, Làgreme, MORTE
drento ai quali no ghe sia la semènza
de 'na nova RESURESSION...


Traduzione in italiano

Guarda!
Dai...Guarda!
Sono bolle di sapone d'arcobaleno,
perle di vetro soffiato di rugiada
sugli steli ripiegati dei gigli,
è un tulle tutto immacolato lo sbocciare
dell'acacia sulle spine pungenti,
è una vela di spuma l'ultima nuvola
dopo il terrore del fortunale...
Si rivestono a nuovo le zolle,
i rami indossano il vestitino
di smeraldo che la Morte sembrava
aver avvinto su...
Guarda!
Guarda con forza,
con impeto, passione,
spera, lotta
perchè non c'è buio
che non scappi via all'avanzare
della Luce,
inverno che non s'arrenda all'insistenza
del soffio fecondatore dello zefiro,
nè Dolore, Sconfitte, Lacrime, MORTE
dentro ai quali non ci sia il seme
della RESURREZIONE...

Racconto inviato da: gianni vivian