POESIE - VENETO
Tùti savèva

Dialetto: Veneto

Tùti savèva
I altri no capìva,
tuti niàltri no capìvimo
quando che la laguna gavèva
el colòr de'l sanguàzzo
e i siègoli bochizàva panza
par aria, quando che de note
i verzèva i camìni
par far 'ndàr fora l'anidride
solforòsa che destacàva le ale
a ave e pavège...
Tuti 'spetàvimo
quei quatro bezzi che savèva
de sangue e suòri,
de umiliassìon e privassiòn,
'lora i fassèva studiar i fiòi
par quel toco de carta,
parchè no i fassèsse quela Vita
d'inferno,
intanto i nostri pari, i conpagni
gera schedài da la Polissìa,
scomunicài da'l Vaticano e dai preti,
solo spie e licacùli fasseva strada
par queli sinque franchi de più a l'ora...
E lori savèva,
i vegnìva a benedìr li inpiànti,
a inaguràr el repàrto CVM
po' d'inprovìso rivàva el "BRUTO MAL"
o prima de 'ndàr in pensiòn
o subito dopo,
el prete no volèva la bandiera rossa
in cèsa, fora ghe gera chi alzàva
el pugno serà, chi che se sugàva
'na làgrema, chi che maledìva i paròni a vose bassa...
No ghe gera tenpo par fermàrse
nonostante tuto la Vita dovèva continuàr...


Traduzione in italiano

Tutti sapevano
Gli altri non capivano,
tutti noi non capivamo
quando che la laguna aveva
il colore del sangue marcio
e i cefali boccheggiavano pancia
all'aria, quando che di notte
aprivano i camini
per far uscire fuori l'anidride
solforosa che distaccava le ali
ad api e farfalle...
Tutti aspettavamo
quei quattro soldi che sapevano
di sangue e sudori,
di umiliazioni e privazioni,
allora facevano studiare i figli
per quel pezzo di carta,
perchè non facessero quella Vita
d'inferno,
intanto i nostri padri, i compagni
erano schedati dalla Polizia,
scomunicati dal Vaticano e dai preti,
solo spie e leccaculi facevano strada
per quelle cinque lire in più
l'ora...
E loro sapevano,
venivano a benedire gli impianti,
ad inaugurare il reparto CVM
poi d'improvviso arrivava "IL BRUTTO MALE" o prima d'andare in pensione
o subito dopo,
il prete non voleva la bandiera rossa
in chiesa, fuori c'era chi alzava
il pugno chiuso, chi si asciugava
una lacrima, che malediva i padroni
a voce bassa...
No c'era tempo per fermarsi
nonostante tutto la Vita doveva
continuare...

Racconto inviato da: gianni vivian