POESIE - VENETO
Tera mia

Dialetto: Veneto

Tera mia
El Paròn se ga fermà un pochèto
par repossàr,
el se ga sentà su'l caregòn de la Marmolàda a vardàrse tute 'ste maravège,
'ste montagne che a la tramontàda
le inpìssa scàge rosa cofà foge
de'l fior spanìo,
'ste zoge incassàe de i Berici, Uganei, Lessìni, el Montèlo
e zo...zo...
par la "Marca Gioiosa e Amorosa"
fin a 'rivàr a vardàr 'sta sità
fata de pière e aque, de carne e pière
fata da pìcoli omenèti deventài grandi
squàsi i fusse dii anca lori
che ciàcola
che bùrla,
che pianze e che ride co la lèngua
s'cèta e malignàza de'l Goldoni...
Tera mia
ànema mia
co i me avi impastài de zòpe e sabion,
tera massa volte amara,
de mar amìgo e nemìgo,
tera de emigrassìon
fata de strùssie, pianti, dolòri,
de massa simitèri de guèra,
de polènta e rènga,
de pelàgre e gèndane,
de lumèrie e massariòli
de vin 'terno e grintòn,
de basi robài drio le sièse
e fossi pièni de tenche e pessi gato...
'Sti recàmi de tirèle de ua,
de graspi che vien zo cofà tochi
de oro, de bicèri inpenìi fin l'oro
par dopo sentìrte in grìngola,
par sentìrte pagiàsso, liòn...
La me zènte sprotòna
dolse
galànte
che no zè tanto espansìva...
Tera ciètina
piena de cese a canpanièli
dove che zé restà soltanto vece
che prega a man zonte e consumàe
parchè i zòvani no ga più tenpo,
parchè a volte massa schei cànbia
i òmeni, cànbia anca el cuor...


Traduzione in italiano

Terra mia
Il Padreterno si è fermato un pochino
a riposare,
si è seduto sullo scanno della
Marmolada a guardarsi tutte queste meraviglie,
queste montagne che al tramonto
accendono scaglie rosa come petali.
queste gioie incastonate dei Berici,
Uganei, Lessini, il Montello,
e giù...giù
per la "Marca Gioiosa ed Amorosa"
fino ad arrivare a guardare questa città
fatta di pietre ed acque, di carne e pietre, fatta da omuncoli diventati grandi quasi fosseri dei anche loro,
che chiacchera,
scherza,
che piange e ride con la lingua
schietta e che non guarda in faccia nessuno
del Goldoni...
Terra mia
anima mia
con i miei avi impastati di zolle e sabbia,
terra troppe volte amara,
di mare amico e nemico,
terra di emigrazione
fatta di fatiche, pianti, dolori,
di troppi cimiteri di guerra,
di polenta ed aringa,
di pellagre e lendini,
di luminarie da morto e folletti dispettosi,
di vino eterno e clinton,
di baci rubati dietro le siepi
e fossi pieni di tinche e pesci gatto...
Questi ricami di filari d'uva,
di grappoli che pendono come pezzi d'oro
per poi dopo sentirti in allegria,
per sentirti pagliaccio, leone...
La mia gente saccente
dolce
galante
che non è tanto espansiva...
Terra bigotta
piena di chiese e campanili
dove sono rimaste soltanto vecchie
che pregano a mani giunte e consumate
perchè i giovani non hanno più tempo,
perchè a volte i troppi soldi cambiano
gli uomini, cambiano anche il cuore...

Racconto inviato da: gianni vivian gruppo poesia co