POESIE - SICILIA
Amuri scurdatu
Non sempre i ricordi, le emozioni e i sentimenti trovano riscontro nel nostro presente.
Dialetto: Sicilia

Amuri scurdatu
I to capiddi, longhi supra 'i spaddi,
niuri e lisci comu fila 'i sita,
e l'occhi lucenti, comu stiddi 'n celu,
mi ficiru strammiari 'u sintimiento.
E' veru, non m'affruntu a dillu,
un tempu mi facisti spasimari.
Ma non viristi 'u fuocu, ch'abbruciava
'u cori miu comu pagghia sicca.
Passau 'u tempu e, ri stu fuocu 'i pagghia)
non m'arristau cchiù mancu 'u fumu
e, quannu t'ncuntraiu, visti i to occhi,
du stiddi astutati senza cchiù luci
e i to capiddi, mal'accurati e curti,
r'un culuri greviu, comu 'a stuppa.
Mi doli 'u cori, ma chi t'haiu a diri:
'u spasimu di tannu addivintau pena.



Traduzione in italiano

Amore dimenticato
I tuoi capelli, lunghi sulle spalle,
neri e lisci come fili di seta,
e gli occhi brillanti come stelle in cielo,)
mi fecero andare fuori di testa.
E' vero, non mi vergogno a dirlo,
un tempo mi hai fatto spasimare.
Ma non hai visto il fuoco, che bruciava
il mio cuore come paglia secca.
Il tempo è passato e, di quel fuoco di paglia,)
non mi è rimasto più neanche il fumo
e, quando ti rincontrai, ho visto i tuoi occhi,)
due stelle spente senza più luce
e i tuoi capelli, disordinati e corti,
d'un colore grevio, come la stoppa.
Mi fa male il cuore, ma cosa posso dirti:)
lo spasimo d'allora è diventato pena.

Racconto inviato da: Enrico Izzo