POESIE - VENETO
Susùri

Dialetto: Veneto

Susùri
Tàsi,
tira le rèce,
'scòlta, pianpianìn zé le vosi de la Vita,
sinfonìe che'l vento porta sùzo,
el se rànpega su le rame de i albèi,
cane de òrgano che se sgiònfa
fin a s'ciopàr in note indoràe,
brònbole de saòn che sèra su brancàe
de arcovèrzene e sgìnzi de turchin de'l sièlo,
là soto tra vèntole de fèlesi barbòta
un rio de aqua di diamante,
el sgrònga co 'na litanìa de rosario, par che'l conta de'l Tenpo che passa
e che mai se ferma,
de i suòri de le formìghe mai stràche,
de i lamènti de le pigne che casca zo
sigàndo cofà soldài in batàgia...
Susùri
se puza su l'ànema mia mai chièta,
foge de malgarìta che casca una par una
cofà i insògni e le ilusiòn de niàltri
picòli òmeni che semo susùri de Eternità...



Traduzione in italiano

Sussurri
Taci,
tira le orecchie,
ascolta, piano piano sono le voci della
Vita, sinfonie che il vento porta su,
s'arrampica sui rami degli abeti,
canne d'organo che si gonfiano
fino a scoppiare in note dorate,
bolle di sapone che racchiudono manciate
d'arcobaleni e spruzzi d'azzurro del cielo,
là sotto tra ventàgli di felci borbotta
un rivo d'acqua diamantina,
gorgoglia con litania di rosario, sembra
che racconti del Tempo che passa
e che mai si ferma,
dei sudori delle formiche mai stanche,
dei lamenti delle pigne che cadono giù
urlando come soldati in battaglia...
Sussurri
si poggiano sull'anima mia inquieta,
petali di margherita che cadono uno ad uno
come i sogni e le illusioni di noi
piccoli uomini che siamo sussurri d'Eternità...

Racconto inviato da: gianni vivian gruppo poesia co