POESIE - LAZIO
Dialettu nostru
Questo sonetto è scritto in dialetto tiburtino, che è la "lingua madre" degli abitanti di Tivoli, in provincia di Roma. Tiburtini e non Tivolesi, dall'antico nome Tibur.
Dialetto: Lazio

Dialettu nostru
Non conoscemo ppiù lu dialettu
e non ze sentu ‘n giru li sfonnuni
quilli belli descurzi d’arempettu
pe’ lli viculi che stanno deggiuni.

Ci diciu tutti che la lengua bbona
è quella nazzionale, l’itagghiànu
questa de ando' si nnatu è ppiù ccafòna
che tte fa esse bbifurcu foretànu.

Lo megghio se lo perdu de securu
li ggiuvini non sannu l’arecacci
biunzu, crinu e mancu mottaturu.

Sendete a mme pigghiemo a reparlacci
‘n’ mezzu a le stradi e nnone mùru mùru
senza dialettu semo ppiù pporacci.




Traduzione in italiano

Dialetto nostro
Non conosciamo più il dialetto
e non si sentono in giro le parole dialettali particolari
i bei discorsi fatti da una finestra all'altra
nei vicoli che ora sono digiuni di dialetto.

Tutti dicono che la lingua da utilizzare
è quella nazionale, l'italiano
questa di dove sie nato è più cafona
che ti fa essere un bifolco contadino.

Sicuramente i giovani si perdono il gusto perchè non sanno i soprannomi
e il significato dei termini.

Sentite me prendiamo a riparlare in dialetto
in mezzo alle strade e non da una parte
perchè senza dialetto siamo più poveri.

Racconto inviato da: Gian Franco D'Andrea