RACCONTI - CAMPANIA
DINTO A D''O BARBIERE
Occorre sempre badare a ciò che si dice!
Dialetto: Campania

DINTO A D''O BARBIERE
Dinto a do barbiere o patrone e nu cliente stanno chiacchierianno tra di loro mentre n atu cliente sta liggenno o giurnale.
O barbiere dice: "Certo ce stanno cierti fatiche ca so nfame... pigliate per esempio o marenaro. Mise e mise luntano da casa e ppo quanno torna â casa po' capità ca se trova cu nu criaturo ca ... chi sa' e chi è... nun è overo?".
E savota po all'atu cliente e ll addimanna: "Vuje che cosa ne pensate?".
E o cliente: "Guardate, i songo nu marenaro , ma ve dico ca nuje nun tenimmo probbleme... quanno turnanno â casa truvammo â mugliera cu nu criaturo, rignimmo a vasca d o bagno cu llacqua e ce menammo ô criaturo dinto... si nata è certamente figlio e nu marenaro, , si nun nata è nu figlio e puttana e o mannammo a ffà o barbiere!"




Traduzione in italiano

DAL BARBIERE
Dal barbiere il padrone e un cliente chiacchierano tra di loro mentre un altro cliente sta leggendo il giornale. Il barbiere dice: "Certo ci sono dei lavori infami... prenda a caso il marittimo. Mesi e mesi lontano da casa e poi quando torna a casa magari si ritrova un bambino... chissa' di chi e'... non e' vero?". E rivolgendosi all'altro cliente gli chiede: "Lei cosa ne pensa?". E il cliente: "Guardi, io sono un marittimo, ma le dico che noi non abbiamo problemi... quando tornando a casa troviamo la moglie con un bambino riempiamo la vasca da bagno e ci buttiamo il bambino... se nuota è certamente figlio di un marittimo, se non nuota è un figlio di puttana e lo mandiamo a fare il barbiere!"



Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli