RACCONTI - CAMPANIA
DON SALVATORE
Una volta i veri uomini non si facevano condizionare da nulla!
Dialetto: Campania

DON SALVATORE
Chisto è ‘nu fatto overo.
Don Salvatore Savarese, ‘nu viecchio signore d’ati tiempe teneva l’abbitudine ‘e metterse ô 1° ‘e giugno ‘nu custume nuovo ‘e lino janco, scarpe a cannottiera cu ‘e ghette ‘e pelle ‘e nobbucco e ‘na paglietta janca; ogni anno ô 1° ‘e giugno asceva ‘e casa cu ‘o bastuncino ‘e canna e vestito a nnuovo tantu bbello!
N’ anno ô 1° ‘e giugno s’ era scatenato ‘mpruvvisamente e senza jí sapenno, ‘o patapato ‘e ll’acqua; ma però don Salvatore steva p’ascí ‘e casa cu ‘o vestetiello ‘e lino janco, ‘a paglietta, ‘e gghette e ‘o bastuncino ‘e canna.
‘O guardaporta Giacumino l’ addimannaje: - Don Salvató, ma addó jate vestuto accussí?
Don Salvatore rispunnette: - Giacumí, si è pazzo ‘o tiempo, non so’ pazz’ io! E continuaje a cammenà.





Traduzione in italiano

DON SALVATORE
Questo è un fatto vero.
Don Salvatore Savarese, vecchio signore d’altri tempi aveva preso l’abitudine di indossare il 1° di giugno un abito nuovo di lino bianco, scarpe bicolori con uose in pelle di nobuk ed una paglietta bianca; ogni anno al 1° di giugno sortiva di casa armato di una canna da passeggio e vestito a nuovo di tutto punto.
Un anno al 1° di giugno si era scatenato un inatteso e violento acquazzone; tuttavia don Salvatore si accingeva ad uscire di casa con il suo candido vestito di lino, paglietta, uose e canna da passeggio.
Il portiere Giacomino lo apostrofò: - Don Salvató, ma dove andate cosí vestito?
Don Salvatore, di rimando: - Giacumí, se è pazzo il tempo, non son pazzo io! E proseguí la sua passeggiata.





Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli