POESIE - PUGLIA
Storia d'amore
La vita dell’uomo si intreccia con le vicende della natura di cui è parte ed in cui è immerso. Importante è il “Sentimento” ove risiede l’essenza della Moralità umana.
Dialetto: Puglia

Storia d'amore
‘Nta l’erva, la spurchia e lu scrasciali
So ssuti, stamatina, do fiuri;
ci tu li viti e li rifletti bbueni
Ssumigghiuni, precisi, propri’ a vui.

Iertu, biancu e russu, comi nu zitu
La vuarda iddu tuttu nnamuratu
Chiù vasciuledda, doggi e fina fina
S’appiccia, iedda, tott’appassiunata.

Iessi lu soli, doggi, a primavera;
Comi lu cori mia ca sempri spera.
Spera cu ti veti giurnu e sera,
All’ora ca pi tutti è na preghiera.

Ma lu scrasciali è amaru e spini spini,
Precisu com’a certi pilligrini,
Ca siccomi no tenuni ce scardà:
L’anima alli cristiani hona scassà.
Ma vu, no li pinzati, sti fitienti;
Tirati nnanti, strinciti li dienti.
Lu cori vuestru ‘ncielu ste ccucchiatu,
Alla luna e alla stella ‘ncatinatu.

Iessi lu soli, doggi, a primavera;
Comi lu cori mia ca sempri spera.
Spera cu ti veti giurnu e sera,
All’ora ca pi tutti è na preghiera.

Passati so, da tannu, ianni e ianni
E so canusciuti priesci, vuai e affanni;
Iddu oramai la capu è già bbuccatu,
Fina fina, iedda lu vuarda abbandunatu.

E iessi lu soli, com’a primavera;
Ma mu, lu cori mia, ce cosa spera?
Spera ca na vodda, o giurnu o sera,
Ccumenza la vita: la vita nova, la vita vera.


Traduzione in italiano

Storia d'amore
Nell’erba, nella sporchia e fra i rovi
Sono usciti, stamattina due fiori;
Se tu li guardi e li rifletti bene
Sono tali e quali voi due.

Alto, bianco e rosso, come uno sposo
La guarda lui tutto innamorato
Un po più bassa, dolce e fine fine
Arrossisce lei, piena di passione.

Esce il dole, dolce, di primavera
È come il mio cuore che sempre spera
Spera di vederti giorno e sera
Nell’ora in cui tutti recitano una preghiera(all’avemaria)

Ma ilroveto è amaro con spine e spine,
Preciso come certi pellegrini,
Che siccome non hanno che scardare:
L’anima alla gente devono scassare.
Ma voi non pensate a questi fetenti;
Andate avanti stringete i denti.
I vostri cuori in cielo sono uniti,
Alla luna ed alla stella incatenati.

Esce il dole, dolce, di primavera;
È come il mio cuore che sempre spera.
Spera di vederti giorno e sera,
Nell’ora in cui tutti recitano una preghiera.

Passati son da allora anni ed anni
Avete conosciuto gioie, guai e affanni;
Lui, oramai il capo ha già ricurvo,
E, fina fina, lei lo guarda oramai abbandonato.

Ed esce il sole come a primavera;
Ma ora il cuore mio che cosa spera?
Spera che una volta, di giorno o si sera,
inizi la vita: la vita nuova, la vita vera.


Racconto inviato da: Vito Giuseppe Carlucci