POESIE - LIGURIA
Làscime cantà

Dialetto: Liguria

Làscime cantà
Làscime cantâ,
mi son comme a çigaa,
che a veu dî tante cöse
frettandose a seu aa.
In te quell’unica notta
che a pä solo monotonia
gh’é tutta a solitudine,
a coæ d’amô, a malinconia....

Làscime cantâ,
son comme l’organetto,
che primma de fermäse o s’é incantòu
in sce quello ritornello
pin de ricordi e nostalgie,
ma drento a o cheu scciuppòu
o g’ha e muxiche ciù dösci,
e ciù belle melodie.

Làscime cantâ,
anche se o cheu oramai
o sa cantâ solo con un lamento
c’ho zemme comme o crio de un bastimento.
Se t’ho angosciòu perdonn-ime,
de questo cianze no tegnïne conto:
làscime cantâ
a tristessa de un tramonto!


Dialetto Genovese


Traduzione in italiano

Lasciami cantare
Lasciami cantare,
son come la cicala
che vuol dire tante cose
soffregandosi l’ala.
In quell’unica nota
che sembra solo monotonia
c’è tutta la solitudine,
il desiderio d’amore, la malinconia....

Lasciami cantare,
son come l’organino,
che prima di fermarsi s’è incantato
su quel ritornello
pieno di ricordi e nostalgie,
ma dentro al cuore scoppiato
ha le musiche più dolci,
le più belle melodie.

Lasciami cantare,
anche se il cuore ormai
sa cantare solo con un lamento
che geme come il grido di un bastimento.
Se t’ho annoiato perdonami,
di questo pianger non tenerne conto:
lasciami cantare
la tristezza di un tramonto!


Racconto inviato da: Alba Toscanini