RACCONTI - CAMPANIA
TUTTO 'A CAPO
A mali estremi, estremi rimedii.
Dialetto: Campania

TUTTO 'A CAPO
‘Na signora se presenta chiagnenno dint’ ô studio d’’o miedeco suojo.
- Duttó, duttó aiutateme!
- Ch’ è succieso?
- Se tratta ‘e figliemo Pascalino!
- E allora?
- Duttó ‘o guaglione me preoccupa; figurateve ca tene 14 anni e è aveto sulo ‘nu metro e vinte!
- Signó non è accussì grave! Pure Napulione era curto curto!
- Po’ nun sape parlà,’ntartaglia e non se fa capí…
- E poi?
- Duttó ‘a ‘na recchia è tutto surdo!
- Ah! Allora ce sta quacche probblema!
- Quacche? Chillo nun ce vede!
- È cecato?...
- Nun proprio, ma porta ‘e llente a funno ‘e bicchiere! Me putite aiutà?
- Certamente! Spugliateve e mettetevi ncopp’ ô lettino!
- Duttó e che ce azzecco io? Io stongo bbona: ‘o prubblema è de mio figlio! Sta fora, ‘o faccio trasí?
- Signó e a che serve? Vuje forze nun avite capito! ‘O guaglione ca sta fora, l’ avimm’’a jettà e ne facimmo uno nuovo!




Traduzione in italiano

TUTTO DA CAPO
Una signora si presenta in lacrime nello studio del suo medico.
- Dottore, dottore aiutatemi!
- Cosa è successo?
- Si tratta di mio figlio Pasqualino
- E allora?
- Dottore il ragazzo mi preoccupa; figuratevi che à 14 anni ed è alto solo un metro e venti
- Signora non è così grave! Anche Napoleone era molto basso!
- Poi non sa parlare, balbetta e non si fa capire…
- E poi?
- Dottore è sordo completo da un orecchio
- Ah! Allora c’è qualche problema!
- Qualche? Quello non ci vede!
- È cieco?...
- Non proprio, ma porta degli occhiali con le lenti spesse assai. Mi potete aiutare?
- Certamente! Spogliatevi e mettetevi sul lettino
- Dottore cosa c’entro io? Io sto bene: il problema è di mio figlio! Sta fuori, lo faccio entrare?
- Signora e a che serve? Voi forse non avete capito! Il ragazzo che sta fuori, lo dobbiamo buttare e ne facciamo uno nuovo!


Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli