POESIE - CALABRIA
ORAMAI…
Cercare il profumo di un fiore appassito è pura utopia. (dialetto calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

ORAMAI…
Vinni ’a ’stati, vinni e mmai
si lassau disidirari
tantu. U cori: «Non turnari»
mi riciva. Ed eu turnai.
Tali e qquali ddà truvai
spiaggia, suli, celu e mmari.
No’ ndi pòttimu evitari:
mi vardasti, ti vardai…
Ma l’amuri è ccomu ’e rrosi,
oggi nc’è, dopu non chiù.
Non cangiaru l’âtri cosi
e ccangiammu jeu e ttu!
U distinu ’ccussì vvosi.
Oramai… comu fu ffu.



Traduzione in italiano

ORMAI…
È venuta l’estate, è venuta e mai
s’è lasciata desiderare
tanto. Il cuore: «Non tornare»
mi diceva. Ed io tornai.
Tali e quali là ho trovato
spiaggia, sole, cielo e mare.
Non abbiamo potuto evitarci:
mi guardasti, ti guardai…
Ma l’amore è come le rose,
oggi c’è, dopo non più.
Non sono mutate le altre cose
e siamo cambiati io e tu!
Il destino ha voluto così.
Ormai… quello ch’è stato è stato.




Racconto inviato da: MAMUNI