POESIE - CALABRIA
’A CHIANALEA
Così è chiamato un caratteristico quartiere di pescatori a Scilla (RC). Lirica dedicata a chi ama e apprezza la natura. (dialetto calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

’A CHIANALEA
Vìculi e vviculeddi, facci scuri
di fìmmini, casùpuli chi ppari
nàssciunu mi si spècchiunu nta mmari
comu p”a fantasìa di nu pitturi.
E bbarchi suprasutta, crïaturi
quasi a’ nura chi gghiòcunu a cchiappari,
a mmucciunedda, mentri l’undi chiari
si fannu rrosa, càngiunu ’i culuri…
O puisìa, puisìa prufunda
r”a Chianalèa, o tempu chi ssi nganna
scrutandu u cori e ’a paci ch”u circunda,
piscandu ’i nta nu scògghiu cu la canna
srramenti u suli va calandu e ll’unda,
l’unda r’u mari canta ’a ninna nanna.


Traduzione in italiano

LA CHIANALEA
Vicoli e vicoletti, facce scure
di donne, casupole che sembra
nascano per specchiarsi in mare
come per la fantasia di un pittore.
E barche rovesciate, adolescenti
quasi nudi che giocano a rincorrersi,
a nascondino, mentre le chiare onde
si fanno rosa, cambiano di colore…
O poesia, poesia profonda
della Chianalèa, o tempo che s’inganna
scrutando il cuore e la pace circostante,
pescando da uno scoglio con la canna
allor che il sole va calando e l’onda,
l’onda del mare canta la ninna nanna.

Racconto inviato da: MAMUNI