POESIE - CALABRIA
PASTURI
Oggi esiste il cellulare, il videotelefono e tan- te altre comodità che ci regala il progresso, ma la vita dei pastori d’Aspromonte rimane dura ugualmente. (dialetto calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

PASTURI
’U viri, comu bbrissci, an ghjri a mmunti
chi ’nchiana c’u so’ passu rrisulutu:
ggiaccuni ’i peddi, cazi di villutu,
stivaluni, bbirritta supr’a’ frunti.

Si ferma, ’i tant’an tantu, nu minutu,
varda luntanu, scruta l’orizzunti…
Jurnàti ’nteri supr’a ll’Asprumunti
senza n’amicu, senza nu salutu!

Ch’i pècuri e cch’i crapi a ttutti l’uri,
c’u friddu chi ddassupra no’ zannìa…
O vita, vita santa d’i pasturi,

mundu ’mmantatu di malincunìa,
aùndi ’a pipa è ll’ùnicu caluri,
’a sula luci, ’a megghiu cumpagnìa.


Traduzione in italiano

PASTORE
Lo vedi, come albeggia, in salita
procedere col suo passo risoluto:
giaccone di pelle, pantaloni di velluto,
stivaloni, berretta sulla fronte.

Si ferma, di tanto in tanto, un minuto,
guarda lontano, scruta l’orizzonte…
Giornate intere sull’Aspromonte
senza un amico, senza un saluto!

Con le pecore e le capre a tutte le ore,
col freddo che lassù non scherza…
O vita, vita santa dei pastori,

mondo ammantato di malinconia,
dove la pipa è l’unico calore,
la sola luce, la migliore compagnìa.

Racconto inviato da: MAMUNI