POESIE - CALABRIA
NT”A FURESTA
Il riso fa buon sangue. Ma a ben riflettere, anche tra gli uomini d’oggi scene del genere non sono poi rare. (dialetto calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

NT”A FURESTA
’On certu puntu fici u Liufanti
vardandu la Furmìcula cu rràggia:
«’A vô finìri mi mi spingi avanti!»
E cchidda, ch’era pìccula ma saggia,
dopu nu bbrevi cinnu di salutu:
«Scùsimi tantu. Non t’era virutu.»



Traduzione in italiano

NELLA FORESTA
A un certo punto fece l’Elefante
guardando la Formica con rabbia:
<Vuoi smetterla di spingermi in avanti!> |
E quella, piccola ma saggia,
dopo un breve cenno di saluto:
«Scusami tanto. Non ti avevo visto.»


Racconto inviato da: MAMUNI