RACCONTI - CAMPANIA
A ddu chella d''e ccarte
Raccontino mutuato da un sonetto di Trilussa.
Dialetto: Campania

A ddu chella d''e ccarte
- Pe ffà ‘e carte quanto t’aggi’’a dà?
- Mille lire!
- Eccu cca; bada però ca m’hê ‘a dicere ‘a pura verità...
- Nun dubbitate, v’’a dico certamente!

- Vuje tenite a n’ amico ca ve vo’ ’mbrugliarve ‘int’ âffare….
- È ‘mpussibbile pecché affare mo i’ nun ne faccio cchiú.
- ‘A migliera vosta ve ‘nganna.!
- Ma va' là!! So’ virulo ‘a tantu tempo!
- Ve spusate n’ata vota.
- E lèvate ‘a tuorno, leta lè! Ce so’ caduto ‘na vota e non ce cado cchiú !

- Veco ‘ncopp’ a ll’otto ‘e coppe nu certo un saccio che...Ve so’ state arrubbate...
- Oh chesto sí: -‘E mmille lire c’aggiu dato a tte.!



Traduzione in italiano

Dalla cartomante
- Per fare le carte quanto chiedi?
- Mille lire!
- Ecco qui; bada però che mi devi dire la pura verità...
- Non dubitate, ve la dirò.

- Voi avete un amico che vi vuole
imbrogliare negli affari.
- È impossibile perché affari adesso non ne faccio.
- Vostra moglie vi inganna.
- Ma va' là!! Sono vedovo da tempo immemorabile!
- Vi riammogliate.
- E togliti di qui! Ci son cascato e non ci casco più!

- Vedo sul fante di coppe un certo non so che...Vi sono state rubate...
- Oh questo sì:-Le mille lire che ò dato a te.




Racconto inviato da: Raffaele Bracale - Napoli