POESIE - CALABRIA
Campamu tutti quanti nta stu mundu
Sonetto del poeta cauloniese Giovanni Di Landro, nel quale si critica il comportamento umano, sbagliato e dannoso soprattutto nei confronti dell'ambiente, che ci sta portando alla rovina.
Dialetto: Calabria

Campamu tutti quanti nta stu mundu
Ma quanta confusioni c'è nto mundu,
quantu trambustu, non si po' campari!
Adduvi giru e votu mi cunfundu
e jamu sempi avanti a peggiorari.

Jendu avanti accussì toccàmu u fundu
e doppu non si poti rimediari;
campamu tutti quanti nta stu mundu,
'ddunca 'mpegnamundi u si po' sarvari.

Certu sarrìa bonu proponimentu
pemmu stu mundu ccà u sarvaguardàmu
da guerri, incendi, mali e inquinamentu;

c'è ancora tempu, forsi, mu cangiàmu;
ncignàmu mu mentìmu sentimentu:
u mundu è u nostru e nui ccani campamu!


Traduzione in italiano

Viviamo tutti quanti in questo mondo
Ma quanta confusione c'è nel mondo,
quanto disordine, non si può vivere!
Quando mi guardo attorno mi confondo
e andando avanti si peggiora sempre di più.

Se andiamo avanti così tocchiamo il fondo
e dopo non si potrà più rimediare;
viviamo tutti quanti in questo mondo,
dunque impegnamoci affinché si possa salvaguardare.

Sarebbe certu un buon proposito
fare in modo di salvaguardare questo mondo
da guerre, incendi, mali e inquinamento;

c'è ancora tempo, forse, per cambiare;
iniziamo a ragionare:
il mondo è nostro e noi qui viviamo!



Racconto inviato da: Giovanni Di Landro