POESIE - CALABRIA
Chisti versi
Sonetto inedito del poeta Orazio Raffaele Di Landro. In questa poesia il poeta dice che anche se dei suoi scritti resterà poco, certo non si potranno mai cancellare le idee e i pensieri che resteranno per sempre, anche dopo la sua fine.
Dialetto: Calabria

Chisti versi
Certu, di versi mei ponnu restari
quattru o cincu per centu, su' sicuru;
però chidu chi dissi, chjaru e puru,
resta pe' sempi e non poti cangiari.

Non cangia l'omu, e u modu i ragiunari,
e non diventa modu quantu è duru;
restanu sempi eterni luci e scuru;
e resta eternu l'odiari e l'amari.

Chidu chi resta resta, a mia mi piaci
sempi u chjarìsciu tuttu, e mu capisciu
comu si poti conquistari a paci.

Sacciu ca 'on poti jìri tuttu lìsciu;
ancòra règgiu e mi sentu capàci,
ma veni u jòrnu chi pur'eu finisciu.


Traduzione in italiano

Questi versi
Certo, dei miei versi potra rimanere
il quattro o il cinque per cento, sono sicuro;
però quello che ho detto, chiaramente e sinceramente,
resterà per sempre e non potrà cambiare.

Non cambia l'uomo, e il modo di ragionare,
come non può diventare molle qualcosa che è duro;
la luce e il buio resteranno sempre eterni;
e resteranno eterni l'odiare e l'amare.

Quello che resta resta, a me piace
chiarire sempre tutto, e capire
come si può conquistare la pace.

So che non potrà andare tutto liscio;
ancora resisto e mi sento capace,
ma verrà il giorno in cui anche io finirò.

Racconto inviato da: Orazio Raffaele Di Landro