PROVERBI PIEMONTE
Lista proverbi mandati dagli utenti di Dialettando.com
Se i'voeli gni gni se i voeli gni gni gni gni ni di da gni poeu gni gni (dialetto biellese)
Se volete venire venite, se non volete venire non venite, non dire di venire e poi non venire
Piemonte
Val püsè na bóna làpa, che na bóna sàpa.
Vale più avere una buona lingua, che una buona zappa.
Piemonte
Önca líàcua sönta misciaa cùm la tèra sönta, la fà paciòc.
Anche l'acqua santa mescolata con la terra santa forma fango.
Piemonte
Ghè mia na bèla scarpa, cíla divénta mia na sciàvata.
Non c'è una bella scarpa che non diventi una ciabatta.
Piemonte
L'aso 'd Cavor as lauda da sol
L"asino di Cavour si loda da solo. Corrisponde all'italano "chi si loda s'imbroda". Il paese di Cavour è considerato immeritatamente patria di sciocchi (come Cuneo, Forlì ecc.).
Piemonte
Dentura rada, fortun-a s-ciassa.
Dentatura rada, fortuna folta. Proverbio consolatorio per chi non ha una bella dentatura.
Piemonte
Par paghè e mori j'è sempar temp.
Per pagare e morire c'è sempre tempo.
Piemonte
Gnanca i can a bogio la coa par gnent.
Neanche i cani scodinzolano per niente. Tutti vogliono avere un compenso o un vantaggio per far qualcosa. Viva l'egoismo.
Piemonte
La grama lavandera la tròva mai né scagn né péra.
La cattiva lavandaia non trova mai né sgabello (quel cassetto nel quale le lavandaie si inginocchiavano, presso i corsi d'acqua) né pietra (su cui sbattere i panni). È la quarta versione (più completa) di un proverbio reso famoso dal libro "La donna della domenica" di Fruttero e Lucentini e dall'omonimo film.
Piemonte
Va giù pan cha la pitansa l'è già d'avant.
Va' giù pane, ché il companatico è già davanti. Ironica esortazione a cibarsi di solo pane, quando manca il companatico.
Piemonte