POESIE - UMBRIA
L'umanità padròna
È rivolta a l'Umanità che si deve rendere conto che non è padrona del Creato ma, al contrario, una parte dominante che ha la responsabilità di non disarmonizzare l'universo.
Dialetto: Umbria

L'umanità padròna
Ma quant'è tonta la 'ntèra Umanità
quanno se crede padròna de le cose
e nun s'acòrge che 'nvece se 'st'a mòve
drento al contèsto de la totalità.

Disse 'l Signore quanno fece Adamo:
-'L padròne del Creèto i' t'hò fatto,
ma per piacere 'mmé doventè màtto
pe' rrovinamme 'sta cosa che i' àmo.

E 'nvece è proprio quillo che 'st'a fà.
'N'è stèto bòno solo a fè la guerra,
ma ha rovinèto cielo mare e terra
che ha 'nquinèto 'nco' la stupidità.

Ce se potria anche fa' 'n procèsso
perché è quisto l' pecchèto originène.
Quillo che sta' nto' l'albero de mele
cèrto nunn'è l'Òmo che fa' 'l sèsso.



Traduzione in italiano

l'Umanità padrona
Ma quanto è cretina l'intera Umanità
quando si crede padrona delle cose
e non si accorge che invece si stà muovendo
nel contesto della totalità.

Disse Dio qundo creò Adamo: - Il padrone del Creato io ti ho fatto,
ma per piacere non mi diventare pazzo
per rovinarmi questa cosa che io amo.

Ed invece è proprio quello che stà facendo.
Non è stato buono solo a fare la guerra,
ma ha rovinato cielo, mare e terra
che ha inquinato con la sua stupidità.

Ci si potrebbe anche fare un processo
perché è questo il peccato originale.
Quello che stà nell'albero di mele
certo non è l'Uomo che fa il sesso.


Racconto inviato da: Giampiero Tamburi