POESIE - UMBRIA
A l'osterìa
Il disagio di molti che non vengono accettati dalla società per quello che sono. Poesia in dialetto Perugino.
Dialetto: Umbria

A l'osterìa
A l'Osteria nch'i amici doppo cena
i' nun ce vò perché me pièce 'l vino.
E' sol' che vojio sta' 'n po' men' vicino
ta 'sto monno de schifo che me fà pena.

'N vita mia nun zò' stèto mai nissuno.
Sò' quillo che tutti hònno bastonèto.
Ma quanno me 'nbrièco sò' qualcuno
e subb.to me sembra d'èsse' arnèto,

Si me gonfio de vino come 'n pallone
volo alto ntol cièlo sempre più 'n zù
'N zò' più quillo che 'n terra èva cojione
ma sò' 'l padrone che comànna da lassù.

Mentre veggo 'st'inzètti che se mòvono
come furmiche cinine che camineno
per me è com'èsse' 'nto 'na grande fèsta
perché ta 'sti cosini je posso piscè 'n testa.

Ma doppo che mè sò' 'n po' divertito
me tocca tornè a chèsa e nun c'hò vojia.
La mi mojie st'aspettàmme 'nto la sojia
e me dà' 'ntol groppone 'l bèn servito.

Vedete béne che quista è la conferma
da come a cécio so' trattè' dda 'l monno.
Per tisto c'hò la 'ntenzione 'n bèl po' ferma
d'argì nch'i amice a beve quan' c'arvònno.



Traduzione in italiano

A l'osteria
A l'osteria con gli amici dopo cena
io non ci vado perché mi piace il vino.
È solo che voglio stare meno vicino
a questo mondo di schifo che mi fa pena.

In vita mia non sono stato mai nessuno.
Sono quello che tutti hanno bastonato.
Ma quando mi ubriaco sono qualcuno
e subito mi sembra di essere rinato.

Se mi gonfio di vino come un pallone
volo alto nel cielo sompre più in su.
Non sono più quello che in terra era imbecille
ma sono il padrone che coamanda da lassù.

Mentre vedo questi insetti che si muovono
come formiche piccole che camminano
per me è come essere in una grande festa
perché a questi oggettini gli posso orinare in testa.

Ma dopo che mi sono un poco divertito
mi tocca tornare a casa e non ho voglia.
Mia moglie sta aspetandomi sulla soglia
e mi da nella schiena il ben servito.

Vedete bene che questa è la conferma
da come a proposito sono trattato dal mondo.
Per questo ho l'intenzione un bel po ferma
di ritornare con gli amici a bere quando ci rivanno.


Racconto inviato da: Giampiero Tamburi