POESIE - CAMPANIA
Amuri
Stranezze dell'amore.
Dialetto: Campania

Amuri
Amuri, mari,
quand'ùnni ca mmi min''i dulùri.
Amuri, mari,
sutta chiss'ùnni mmi pijaci mori.

Amuri, stidda,
m'appicci' 'a lundanu 'ssà fajdda.
Amuri, stidda,
mmi vrusci, ma ti tengu 'nd'â 'na jummèdda.

Amuri, luna,
'ss'argiendu ca ti luci mmi cunzùma.
Amuri, luna,
mi struj, m''o cori nu' nzi n'addùna.

Amuri, suli,
mm'à fattu jangu com'ê linzùli.
Amuri, suli,
ma chi frischizzi sutt' a 'ssù calùri.

Amuri, pani,
cchjù mi nni magn' e cchjù mmi veni fami.
Amuri, pani,
senza 'sta fami 'j' nu' mbòzzu stàni.


Traduzione in italiano

Amore
Amore, mare,
quante onde mi getti di dolore.
Amore, mare,
sotto quelle onde mi piace morire.

Amore, stella,
m'infiamma da lontano quella scintilla.
Amore, stella,
mi bruci, ma ti tengo in una giumella.

Amore, luna,
quell'argento che ti luce mi consuma.
Amore, luna,
mi struggi, ma il cuore non se ne accorge.

Amore, sole,
mi hai sbiancato come le lenzuola.
Amore, sole,
ma che freschezza sotto quel calore.

Amore, pane,
più ne mangio e più mi viene fame.
Amore, pane,
senza questa fame io non posso stare.

Racconto inviato da: Pino Magliano