POESIE - UMBRIA
'Na speranza c'è...
La nascita di Gesù ha portato al mondo la speranza della salvezza.Gli angeli fanno una grande festa e ci invitano a contemplare il Bambino e a sperare in un mondo migliore.
Dialetto: Umbria

'Na speranza c'è...
Ghjé s'è stranito er sonno da le stelle,
la luna non pòle troà pace,
stanotte succete quarghjccosa;
njscjuno s'er sà spiecà,
ma sotto sotto 'n mistero ci stà.
San Ghjuseppe s'arcomanna:"arrì so' somaro mio,moémece,doemo apprescià,
e no' scencellà tanto,
ché porti la Matre de Dio!
Pe' stù Fjo che sta pe' nasce,'n posto se troerà!"
E' menzanotte sonata,er monno s'è fermato,
'na stalla apre le porte.
E' ghjta proprio bene,
nasce tra paja e fieno,
l'amabbile Bambino.
L'angiulitti a mìarate,volanno tra le stelle,
vonno a chiappà la luna,
pe' accenne le cannelle;
artroono li strumenti,le trombe
e li clarini,ghjé donno a tutto fiato,
pe' svejà la ghjente.
" Er Fjaréllo è nato,svejateve !
Ghjete a veté quant'è carillo !
Cambiate er calendario de' la storia,
perché ammo' 'na speranza c'è
e non dicete più ch'è tutto 'nu sfacèlo,
perché ogghj su sta Terra
c'jà messo le mane er Célo !
Se dice che a Beagne,la notte de Natale
le bestie parlaono e specie li somari.
La somara de Fischio,
quella de Bagattella,
er somaro de Neno de Cirocco
e qujllo de Cascò,
arraggjaono co' 'na voce
che parìa 'na campana che fa din don!


Traduzione in italiano

C'è una speranza...
Le stelle non hanno più sonno
la luna non trova più pace
stanotte succede qualcosa di strano,che nessuno si sa spiegare,ma c'è un mistero.
San Giuseppe si rivolge al somaro e si raccomanda di fare in fretta e di non traballare tanto, perché trasporta la Madre di Dio. Spera di trovare un posto per far nascere il Bambino.
E' mezzanotte in punto,il mondo sembra fermo,una stalla li accoglie.E' andata bene ,il Bambino amabile nasce tra la paglia e il fieno.
Gli angioletti a migliaia volando tre le stelle vanno sulla luna per accendere le candeline.ritrovano i loro strumenti musicali e suonano a tutto fiato per svegliare la gente.gridano: il Figliuolino è nato,
andate a vedere quant'è carino !
Ora cambia la storia,e non dite più che
il mondo è in sfacelo,perché oggi sulla Terra ci ha messo le mani il Cielo!
Si dice che a Bevagna la notte di Natale parlavano gli animali e specie gli asini ,ragliavano come una campana che fa din don!

Racconto inviato da: Cesira di Bevagna