POESIE - CAMPANIA
Pure li petre re la via
Quando lasci il paese dove sei nato e cresciuto, e ti perdi per strade e gente che non conosci, è inevitabile sperimentare le atroci sofferenze della solitudine che si placano al solo pensiero che c'è un posto nel mondo dove anche le pietre delle case e delle strade ti fanno compagnia.
Dialetto: Campania

Pure li petre re la via
Pover'a me ca ormai me so' perduto
pe' strate e mmiezzo a ggente scanusciuta,
ca corre e nun po' perde 'nu minuto
Pover'a te si cari e circhi aiuto!
Io lasso tutto e parto crammatino,
'ng'è ancora lo paese ca m'aspetta,
sulo accussì me pozzo sentì vivo,
sulo accussì pozzo trovà ricietto.
Pe' chesto aggia turnà 'nzino a la terra mia,
addo' pure li petre re la via me fano compagnia.
Che pace e che silenzio pe' 'sta via,
re li miei passi sento lo romore,
sento la voce re l'anima mia,
sento lo tuppi tuppi re lo core.
Camino sulo co' li miei penzieri,
me guardo a una, a una li muntagne,
me pare come si fosse nato aieri,
me pare come si stesse 'mbrazz'a mamma.
Pe' chesto aggia turnà 'nzino a la terra mia, addo' pure li petre re la via me fano compagnia.


Traduzione in italiano

Pure le pietre della via
Povero me che ormai mi son perduto
per strade e fra gente sconosciuta,
che corre e non può perdere un minuto.
Povero te se cadi e cerchi aiuto.
Io lascio tutto e parto domattina,
c'è ancora il paese che mi aspetta,
solo così mi posso sentire vivo,
solo così posso ritrovare la serenità.
Per questo debbo tornare nel grembo della mia terra
dove pure le pietre della via mi fanno compagnia.
Che pace e che silenzio per questa via,
dei miei passi sento il rumore,
sento la voce dell'anima mia,
sento il battito del mio cuore.
Cammino solo con i miei penzieri,
mi guardo ad una ad una le montagne,
mi sento come fossi nato ieri,
mi sento come se stessi fra le braccia di mia madre.
Per questo debbo tornare nella mia terra dove anche le pietre della via mi fanno compagnia.


Racconto inviato da: Aniello De Vita