POESIE - CAMPANIA
E' o' paese mio
Quando si lascia il paese in cui si è nati e cresciuti, nel tuo cuore e nella tua mente si rincorrono immagini e ricordi che attenuano le sofferenze della nostalgia che ti assale.
Dialetto: Campania

E' o' paese mio
Sperduto 'mmiez''o verde r''a campagna,
c'è 'nu paese ca se vere a stiento,
ca 'o iuorno tene 'o sole pe' cumpagno
e 'a notte 'a luna e 'i stelle a ciento a ciento.
E che se po' scurdà 'o paese mio,
l'addore re 'a campagna e 'i quatto case.
'A chiazza e i vicarielli 'ntruppecuse
'a ggente tanto semplice e gentile.
Paese mio!
Dint''a 'stu core mio 'nc'è stà sculpito,
'o corso principale annalberato,
'A chiesa piccerella e 'o campanaro,
'a casa addo' so' nato e mamma mia.

'A sera quanno 'o sole s'appapagna,
e 'i stelle 'ncielo nun so' asciute ancora.
'A ggente s'arretira d''a campagna
stanca, però cuntenta ca lavora.
Paese mio!


Traduzione in italiano

E' il mio paese
Sperduto in mezzo al verde della campagna,
c'è un piccolo paese che a stento si vede.
Di giorno ha il sole per compagnia,
di notte la luna e le stelle a centinaia.
E chi potrà mai dimenticare il mio paese,
il profumo della campagna e le quattro case,
la piazza ed i vicoli acciottolati,
la gente tanto semplice e gentile.
Paese mio!
Nel mio cuore ci stà scolpito,
il corso principale alberato,
la piccola chiesetta e il campanile,
la casa dove sono nato e mamma mia.

La sera quando il sole tramonta
e le stelle ancora non sono uscite,
la gente ritorna dalla campagna,
stanca però contenta che lavora.
Paese mio!

Racconto inviato da: Aniello De Vita (Cilento)