POESIE - CAMPANIA
Vulesse sta cu tte
Un tempo per due immamorati vedersi, toccarsi, baciarsi, stare insieme era quasi impossibile. Ma quando l'ardore di due giovani amanti supera certi limiti non vi sono ostacoli.
Dialetto: Campania

Vulesse sta cu tte
Ti viddi a la funtana,
lavavi le llenzola.
Facenno zucchi - zucchi
s'aizava la sottana
e cheddo ca viria
io no' lo saccio di'.
Maria ,Maria, Maria,
vulesse sta' cu tte.
'Nu iuorno a lo vignale
cuglivi l'aulive,
addenocchiata 'nterra
lo pietto se viria.
Pe' tutta la iurnata
penzai sempe a te.
Maria, Maria, Maria.
vulesse sta' cu tte.
'Na vota a la iumara
lavavi le ddenocchia
e io ca te spiavo
penzavo i' mo sconocchio.
Pe' tutta la nuttata
io nun putia rurmì.
Maria , Maria, Maria
vulesse sta' cu tte.
Aieri a lo pagliaro
ti viddi ca rurmivi
e mente te guardavo
la mano t'astringia.
Apristi l'uocchi belli
e me ricisti: Si!
Maria, Maria, Maria.
E' bello sta' cu tte.


Traduzione in italiano

Vorrei stare con te
Ti ho visto alla fontana
che lavavi le lenzuola.
Sciacquando i panni
si sollevava la sottana
e quello che io vedevo non oso parlarne
Maria, Maria, Maria,
vorrei stare con te.

Un giorno al vignale
mentre raccoglievi le olive
inginocchiata a terra si vedeva il seno.
Per tutto il giorno
non feci altro che pensare a te.
Maria, Maria, Maria,
vorrei tanto stare con te.

Una volta ti ho visto alla fiumara
che lavavi le ginocchia.
Io che ti spiavo
mi sentii venire meno.
Per tutta la notte
non riuscii a prendere sonno.
Maria, Maria, Maria,
vorrei stare con te.

Ieri eri nel pagliaio
ed ho visto che dormivi
e mentre ti guardavo
stringevo la tua mano.
Apristi i tuoi occhi belli
e mi dicesti: Sì!
Maria, Maria, Maria,
E' bello stare con te

Racconto inviato da: Aniello De Vita (Cilento)