POESIE - LAZIO
Graziella
In ricordo di una passeggiatrice
Dialetto: Lazio

Graziella
S’a’ fà ’for’’ a’ marina
Tutt’e’ ser’
Song’ cinq’ann’
Ma so’ già na’ vita
E sent’o’ tiempo ca’ fuje, nun cammina

O’ tiempo fa rummor’
quann’ fuje
Sul’ essa ho ssent’
Ma nun o’ fa capì.
S’adda rirer’ , p’ venner’ l’ammor’.

S’ ferma nu cucchier’ ,
“ C’ ore so..?”
“ Song’ e’ cinq’, nennè…”
E s’avvia a’ casa,
Add’ o’ tiempo s’azzitta ind’ o ‘ bicchier’

S’a’ fa for’ a’ marina,
tutt’e’ sere….






Traduzione in italiano

Graziella
Se la fa’ fuori al lungomare
tutte le sere.
Sono cinque anni ,
ma sono già una vita.
E sente il tempo che corre,non cammina

Il tempo fa rumore
quando corre.
Solo lei lo sente
Ma non lo fa capire.
Si deve ridere, per vendere l’amore…

Si ferma un cocchiere
“ Che ore sono..?”
“ Sono le cinque, bimba…”
e si avvia a casa
Dove il tempo si ferma nel bicchiere.

Se la fa’ fuori al lungomare
tutte le sere.





Racconto inviato da: Diego Franchi