POESIE - CAMPANIA
SERA D’UTTOMBRE
Pensieri malinconici di una serata autunnale.
Dialetto: Campania

SERA D’UTTOMBRE
Sera d’uttombre... ‘Ncielo ‘a luna luce
e i’ torno passo passo â parte ‘a casa
e senza cchiú penziere, a meza voce
canto accussí pe mme, senza pretese...

Aria d’autunno... Attuorno attuorno ‘a pace
‘e chistu mese doce e appucundruso,
me parla ô core e zittu zittu dice
ca ‘a vita ll’ hê ‘a piglià cu ‘o pizzo a rrisa,

cu tutto ca assumiglia a ‘na viacruce...
cu tutto ca ‘int’ ô core spisso ‘a vrasa
d’’a ggelusia te struje e cchiú te coce
pe bbia ca, cu chi saje, nce hê fatte ‘e spese...

Nun ce penzammo, va’... chello ca piace
spisso nce porta tríbbule...; è curiuso
ma hê ‘a turmentarte p’essere felice...
e ‘o ffuoco sparpeteja sott’ â cenisa!

Sera d’uttombre... ‘Ncielo ‘a luna luce
e ‘o viento ca pazzea ‘ncopp’ â cemmasa
me parla ‘e chistu mese amaro e ddoce
ca tutt’’e verità me fa palese!

10/10/1975





Traduzione in italiano

SERA D'OTTOBRE
Sera d’ottobre...In cielo la luna splende
ed io ritorno piano piano verso casa
e senza piú pensieri, a mezza voce
canto cosí per me, senza pretese...

Aria d’autunno... D’ intorno la pace
di questo mese dolce e malinconico,
mi parla al cuore e silenziosamente dice
che la vita devi prenderla con un sorriso,

anche se assumiglia ad una via Crucis...
anche se dentro il cuore spesso la brace
della gelosia ti strugge e piú ti brucia
a causa del fatto che con chi tu sai ,ci ài rimesso!

Non penziamoci,suvvia... ciò che ci piace
spesso ci comporta patimenti...; è curioso
ma devi tormentarti per essere felice...
ed il fuoco pulsa sotto la cenere!

Sera d’ottobre...In cielo la luna splende

ed il vento che gioca sulla cimasa
mi parla di questo mese amaro e dolce
che tutte le verità mi appalesa!






Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - NAPOLI