POESIE - BASILICATA
Paese
Il paese viene umanizzato, viene paragonato ad un gigante che dorme. Un gigante con cuore, con braccia. Quanto erano suggestivi e belli i paesi di una volta. Vi si viveva a misura d'uomo.
Dialetto: Basilicata

Paese
Stai srennecchiàto
com'a 'nno gihante ca rorme
'ncoppa 'nna serra,
'ncoppa 'nne tempa
'ncoppa 'nna spadda re 'nno monte.

A li pièri , quatto mura
e 'nna macchia verde, scura,
stàno a 'nzengà lo camposanto.

pPe l'aria nge viri
come nuvole re anime
ca te uàrdano la sciorta.

Quasi sempe
a l'ato capo truovi la chièsia
addòve la ggente s'accoglie
ppe le feste cchiù belle
e ppe l'urtimo saluto.

La chiazza la tieni
a lo posto re lo core
addòve te 'ncontrasti
cco lo prim'amore.

Lo corso principale
ra la chièsia a lo camposanto
è 'nna passiàta,
addòve se parla re tutto
addòve te sciàli cco lo vistitieddo nuovo co lo viento a li capiddi
e ddo profumo re ggiuventù.

pPe brazza
tieni tanta viarèdde
orlàte re mura e dde sepàla
ca portano a l'òrtera, a le bigne.

Re notte te commuògli
re 'nno manto re stelle
cco le cimminère re le ccasi
ca re mànnano suspiri
fatti re nuvole re fumo.


Traduzione in italiano

Paese
Disteso
come un gigante che dorme
sopra una cresta
sopra una collina
sul fianco di un monte.

Ai piedi quattro mura
e una macchia verde, scura
stanno ad indicare il camposanto.

Per aria
scorgi come nuvole di anime
che ti guardano la sorte.

Quasi sempre
all'altro capo trovi la chiesa
dove la gente si raccoglie
per le feste più belle
e per l'ultimo saluto.

La piazza la tieni
al posto de cuore
dove t'incontrasti
col primo amore.

Il corso principale,
dalla chiesa al camposanto
è una passeggiata
dove si parla di tutto
dove mostri l'abito nuovo
col vento nei capelli
e quel profumo di gioventù.

Per braccia
hai tante viuzze
orlate di mura e di siepi
che portano agli orti, alle vigne.

Di notte ti copri
di un manto di stelle
con i camini delle case
che le mandano sospiri
fatti di nuvole di fumo.



Racconto inviato da: Giuseppe De Vita