POESIE - BASILICATA
Maurice
Maurice è le storia di un figlio di un emigrante del Cilento, propriamente da Mandia, frazione di Ascea. Il papà cavava carbone nelle miniere di Hazleton in Pensilvania. Maurice il figlio che ha oltre 80 anni è colto ed è un fine sarto in Hazleton. Auguri Maurice.
Dialetto: Basilicata

Maurice
(dedicata a Maurice Fierro in Hazleton)

Si fosse cresciuto a Mannìa
raddonne iett'a la Merica
Maurizio s'avìa chiamà.
Nge jètte zico
e tutti lo chiamàro
ra subbito, Maurice, a la francese.
Parìa cchiù scicche.

Lo patre, ca se sderrenàva
a cavà cravùni
inta le miniere r'Hazleton,
ppe no lo f'accìre pur'a iddo,
lo mannào a le scole.
Sempe jètte a le scole
ra zico e ra gruosso.
Se 'mparào cchiù ca 'nna lingua
e ghiètte a New York
pp'addeventà 'nno fine cusetòre.
Oi è 'nno sarto fino.

Cosènno e tagliànno,
puri l'amicizie,
addeventào 'struìto
semp'attient'a dda radio
segliènnose dde cose ca no sapìa
e l'allargavano le meròdda.
Mo' tene ottant'anni,
non s'è fatto mancà mai nienti,
inta dda casarèdda
ca r'attesào lo patre,
e pare 'nno museo re la vita sòa.
Vai a scià com'a 'nn'agriddo,
vai 'nna vot'a l'anno a lo Metropolitan
e sempe, appena pote, torna a resciatà
l'aria re Mannìa a lo Ciliento.

'nNa vota se portào ra Mannia,
'nna mazza re piro cilentano,
lo chiantào inta l'uorto
e crescette cco iddo
facenno viecchio e annorecùto.
Quanta quintali re pera r'ha portato,
ppe 'nna vita, cco ddo sapore
re la terra sòa, chiena re sole.
Re nne porterà 'nzin'a cca mòre.


Traduzione in italiano

Maurice
(dedicata a Maurice Fierro in Hazleton)

Se fosse cresciuto a Mandia
da dove partì per l'America
Maurizio doveva chiamarsi.
Vi andò piccolo
e tutti lo chiamarono
da subito, Maurice, a la francese.
Parìa più chic.

Il padre, che si rompeva la schiena
a cavare corbone
nelle miniere di Hazleton,
per non farlo deperire anche a lui
lo avviò agli studi.
Non smise mai di studiare
da piccolo e da grande.
S'insegnò più di una lingua
e andò a New York per
perfezionarsi nel taglio.
Oggi è un sarto raffinato.

Cucendo e tagliando,
anche le amicizie,
diventò istruito
sempre attento ai programmi radio
sceglindo quelli più istruttivi
e gli allargavano il cervello.
Ora ha ottant'anni,
non si è fatto mancare mai niente,
in quella casetta che
gli costruì il padre,(con le sue mani)
e sembra un museo della sua vita.
Va a sciare come un grillo,
va una volta all'anno al Metropolitan
e sempre, appena può, torna a respirare
l'aria di Mandia, nel Cilento.

Una volta si portò da Mandia
un virgulto di pero cilentano
e lo piantò nell'orto
e si sviluppò con lui
diventando vecchio e nodoso.
Quanti quintali di pera gli ha portato,
per una vita, con quel sapore
della terra sua, piena di sole.
Gliene porterà fin che campa.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita