POESIE - BASILICATA
Li bbagni
Si andava al fiume negli anni '50 per bagnarsi e prendere il sole, nudi, senza pudore.
Dialetto: Basilicata

Li bbagni
Ala contròra re li iuòrni r'austo
a morre re uagliùni
ìamo a li puzzi re li Varchi
o a Cannalonga a lo ponte
re l'arco re li cavaddi.

Nicci e gghiànchi
com'a bbiermi
appen'assuti ra la terra,
te virivi com'ièri
te combrontavi cco l'ati
si tinìvi li pili
si ièri òmmene ra zita
e te iettàvi int'a ddi puzzi
cco d'acqua càvora
com'a 'nna jòtta
po' te spannivi a lo sole
'ncopp'a 'nno cantone
ppe te fa nìoro
com'a 'nno tezzòne.

Chiddi già gruossi
contavano cunti re zòrie.

Roppo ddi cunti re femmene,
ca te 'mbreiacavano la capo,
scurnuso t'accovavi
arrèto a 'nno cantone
e provavi a fa l'òmmene ra sulo.

Spirìvi e no bbirìvi l'ora
re cresce ppe provà
le stesse storie.

Avivi ulìo re cresce aviètt.


Traduzione in italiano

I bagni
Nei pomeriggi del mese d'agosto
a gruppi di ragazzi
andavamo ai pozzi dei Varchi
o a Cannalonga al ponte
dell'arco dei cavalli.

Nudi e bianchi,
come vermi
appena usciti dalla terra,
ti guardavi come eri fatto
ti confrontavi con gli altri
se avevi i peli
se eri uomo da sposa
e ti gettavi in quei pozzi
in quell'acqua calda
che sembrava u brodo
poi ti stendevi al sole
sopra una roccia
per abbronzarti
come un carbone.

Quelli già grandi
raccontavano conti di donne.

Dopo quei racconti di donne,
che ti offuscavano il cervello,
con vergogna ti nascondevi
dietro una roccia
e provavi a masturbarti.

Avevi voglia e non vedevi l'ora
di far grande per provare
le stesse storie.

Avevi voglia di crescere presto.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita