POESIE - BASILICATA
Li fuochi r'artificio
Nei paesi del Sud, nelle feste padronali, gli spari, i fuochi d'artificio non possono mancare ed ogni spettatore diventa un esperto.
Dialetto: Basilicata

Li fuochi r'artificio
A lu Ciliento
nu ng'è festa senza fuochi r'artificio.

cChe tiro,
cche apertura,
cche culuri
e cche finale, pare ca trema la terra,
sienti rice puri a li criaturi:
ognuno se sente 'nno fuochista.

Si 'nna ragione ng'è re sta passione
vurrìa sapè qual'è.

Una pot'esse chesta:
inta ddo 'mbierno re lampi,
re trònate, re culuri,
ognuno nge appìccia
li respensori re la vita soa.


Traduzione in italiano

I fuochi d'artificio
Nel Cilento
non v'è festa senza fuochi d'artificio.

Che tiro,
che apertura,
che culuri
e che finale, sembra la terra tremi,
senti dire anche ai bambini: ognuno si sente un fuochista.

Se v'è una ragione di questa passione
vorrei sapere qual'è.

Una può essere questa:
in quell'inferno di lampi,
di tuoni, di colori,
ognuno vi brucia
gli affanni della sua vita.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita