POESIE - BASILICATA
Li capuzzuluni
Chi sono i capuzzuluni? Gli uomini di potere che abusano del loro potere e lo usano per propri interessi anzicché per il bene comune. Al Sud sono molto diffusi.
Dialetto: Basilicata

Li capuzzuluni
Ogni paese, a lo Ciliento, sciorta soa
re Capuzzuluni nne tene almeno tre:
Cricco, Crocco e Manecar'ancìno.

Manecar'ancìno è sempe pronto
a metterse r'accordo
mò cco uno mò cco l'àto
ppe se sparte la 'nsalata:
'nno pusticièddo,
'nna licenza,
'nn'uorto c'addeventa zona "B",
'nna seggia re riuàrdo
a la festa re lo Santo.

Ciliento mio,
sì bello, sì forte, sì granne,
risisti, non t'arrènne,
ca nun nge la faranno manco
megliara re capuzzuluni
a te portà a la fèra
a svènne ppe nno paro re miluni.


Traduzione in italiano

I potenti
Ogni paese nel Cilento, sorte sua,
di Potenti ne tiene almeno tre:
Cricco, Crocco e Manica d'Uncino.

Manica d'Uncino è sempre pronto
a mettersi d'accordo
ora con l'uno ora con l'altro
per spartirsi il piatto d'insalata:
un posto, anche modesto,
una licenza,
un orto che diventa edificabile,
una poltrona di riguardo
alla festa del Patrono.

Cilento mio,
sei bello, sei forte, sei grande,
resisti, non arrenderti
ché non ce la faranno, nemmeno
migliaia di Potenti
a portarti alla fiera
a svenderti per un paio di cocomeri.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita