POESIE - BASILICATA
Nun te lo rèro a tti 'nno posto re cantunieri
Un disoccupato costretto ad emigrare finisce per mettere una voglia di riscatto nei figli.
Dialetto: Basilicata

Nun te lo rèro a tti 'nno posto re cantunieri
Nun te lo rèro a tti
'nno posto re cantunieri,
nun ng'era pane ra mangià
non 'ng'erano sordi ppe nne fa sturià.

T'accattasti 'nno càmmiso ianco,
roie fruòvici, 'nna machinetta,
t'abbiasti come varevière
a la Merica ppe fa fortuna.

Nun ne facisti, ma 'mpietto
'nno ulìo re tentare nge mittisti.

Lo munno nge parette zico,
nge iettàmmo inta dda fodda
cco 'nna mmiria 'ncuoddo ca nge pesa.

Ma nun nge nne 'mporta:
vulìamo ì spierti
vulìamo esse 'nno poco com'a tti.




Traduzione in italiano

Non lo hanno dato a te un posto da cantoniere
Non lo hanno dato a te
un posto da cantoniere,
non av'era pane da mangiare
non c'erano soldi per farci studiare.

Ti comprasti un camice bianco,
due paia di forbici, una mcchinetta,
e partisti come barbiere
per l'America per far fortun.

Non ne avesti, ma in petto
una voglia (matta) ci mettesti.

Il mondo ci apparve piccolo,
ci buttammo nella mischia
con un'invidia addosso che ci pesa.

Ma non c'importa:
volevamo andare spersi
volevamo essere un pò come te.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita