POESIE - BASILICATA
Lo mierico re li criaturi
La particolare attività di medico specialista dalle dirette osservazioni dello scrivente in merito alla funzione svolta da mio zio: dottor Pasquale Pilerci in Campania.
Dialetto: Basilicata

Lo mierico re li criaturi
Lo spogliavi
lo uardàvi inta l'uocchi
te capìa
e nun avìa cchiù paura.

Lo rrevotàvi
'ncoppa dda manòna
te lo portavi a l'aorecchia
ppe sente lo tuppi tuppi
re ddo cuoricièddo
ppe sente lo iàto
int'a dde spaddòzze.

Lo spesolavi a l'aria
ppe dde gammozze
a capo 'nsotta
ppe berè le reaziuni.

R'accarezzavi
cco forza e attenzione
ddo panzarièddo
ppe berè si tutt'era apposto.

'Nno paccarièddo
'ncopp'a ddo culiddo
e cco nnu surriso
lo rìvi a la mamma ppe lo veste.

E' tutt'apposto
era lo piacere tuo re rice
scrivivi li scippi 'ncoppa la lizzetta:
che cosa, come e quanno
avìara mangià.

Mò so' fatti uommini
ddi criaturi,
teneno ra sbatte ppe lo munno,
ma so' sicuro, ca inta li suonni,
ogni tanto, se sentono ancora 'ncuoddo
le carezze re lo manòne tuo.



Traduzione in italiano

Il pediatra
Lo spogliavi
lo guardavi negli occhi
ti capiva e
non aveva più paura.

Lo rivoltavi
sulla tua grande mano
te lo portavi all'orecchio
per sentire il battito
del piccolo cuore e
per sentire il respiro
nelle piccole spalle.

Lo sospendevi in aria
per le gambette
a testa in giù
per osservare le reazioni.

Gli tastavi
con forza e attenzione
quella piccola pancia
per vedere se tutto era in ordine.

Un buffetto
sul culetto
e con un sorriso
lo porgevi alla mamma per vestirlo.

E' tutto in ordine
era il piacere tuo di dire
e scrivevi la cura sulla ricetta:
cosa, come e quando
doveva mangiare.

Adesso sono diventati uomini
quei bambini,
hanno da combattere col mondo,
ma son sicuro, che nei loro sogni,
ogni tanto avvertono ancora addosso
le carezze della tua grande mano.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita